menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Massimo Gobbi, autore del primo gol gialloblu - Tm News Infophoto

Massimo Gobbi, autore del primo gol gialloblu - Tm News Infophoto

Genoa Parma 2-2 | Non bastano Gobbi e Floccari, Palacio guastafeste

Pesano le occasioni che i gialloblu non sono riusciti a concretizzare quando ne hanno avuto l'opportunità. I rossoblu interrompono un'emorragia di risultati, Donadoni sciupa un'occasione importante

Palacio ha nel Parma la sua vittima preferita e lo dimostra stasera, segnando il suo sesto gol ai gialloblu da quando è sbarcato in Italia. Proprio quando sembrava finita, proprio mentre il Parma si preparava a festeggiare la seconda vittoria della gestione Donadoni lontano dal Tardini, Marino si è vendicato andando a festeggiare una rimonta che sembrava impossibile da ottenere. Un passo avanti nella prestazione per il Parma, ma quanto rammarico per aver buttato una partita comandata fino al 40' della ripresa. Gli sforzi che la squadra di Donadoni ha profuso si sono fatti sentire soprattutto nel finale di gara, quando il Genoa andava all'arrembaggio e il Parma si abbassava offrendo il pari a chi non ci credeva più. La vera sorpresa rispetto alla vigilia è l'esclusione di Morrone dall'undici di partenza a favore del rientrante Galloppa. Il centrocampo del Parma funziona e dimostra che Musacci può convivere bene tra Mariga e l'ex giocatore del Siena. Sugli esterni si a Biabiany, no a Modesto, con Gobbi che si posiziona come esterno alto. In difesa spazio a Ferrario al centro, con Zaccardo e Lucarelli a completare il reparto arretrato. Mirante in porta e Giovinco con Floccari davanti. Dall'altro lato Pasquale Marino, dopo aver abbracciato i suoi ex calciatori, si affida al 4-3-1-2 per provare a cambiare le sorti di un periodo poco positivo, chiedendo a Jankovic di fare il Gilardino e a Palacio di ritornare ad essere quello letale di un tempo. Belluschi dietro di loro, prova ad innescarli, con Kucka e Veloso pronti a proteggerli.

IL MATCH - Le parole di Donadoni alla vigilia sono servite a spronare i suoi ragazzi, che si mostrano aggressivi in sin da subito in una partita dai ritmi altissimi, in cui a passare è subito il Parma, con  Gobbi che di sinistro pesca il jolly e batte Frey da fuori area. Pronti via e Marino è sotto, in una partita che vuol dire molto anche per lui. Palacio prova ad aiutarlo ma Jankovic non lo assiste e vanifica il numero nello stretto dell'argentino, mancando il tap-in facile. Il Genoa non ci sta a perdere davanti ai propri tifosi, e cerca di agguantare il pari passando anche dai muscoli di Kucka generoso ma poco lucido. La linea mediana del Parma funziona e pure bene, si chiude e da sfogo alle ripartenze affidate a Biabiany che ha dalla sua molti spazi lasciati dai rossoblu nel tentativo di trovare il gol. Che, nonostante gi attacchi, fatica ad arrivare. Palacio si vede murare, nel giro di qualche secondo, due conclusioni, una di piede con Mirante che si riscatta dalle critiche della settimana scorsa, l'altra di testa su azione d'angolo. Allora il gol prova a farlo il Parma, con Mariga che apre il piatto e sbatte contro Granqvist. Sulla ribattuta non vale il gol di Giovinco, in posizione irregolare.

Regolare invece la posizione di Floccari che ribadisce in rete la botta di Giovinco deviata da Frey sul palo. Vantaggio doppio e accenno di contestazione sugli spalti. Come nel primo tempo, al primo affondo il Parma trova il gol con il Genoa che paga l'erroraccio di Costant. Come nel primo tempo, chi segna esce per infortunio. Capita anche a Flocccari che si fa male al gomito e fa spazio a a Valiani, con Donadoni che si copre e si affida a Biabiany, autore di una gara straordinaria. La sua velocità è devastante e attacca gli spazi che il Genoa lascia inevitabilmente alla ricerca di un gol che arriva al 33' dopo vari tentativi vanificati dalla compattezza difensiva dei crociati e da qualche errore di imperrizia degli attaccanti rossoblu. Arriva su rigore, su ribattuta anzi, dopo che Mirante ha respinto anche il penalty di Palacio, lesto nel ribattere in gol. Gol che in più di un'occasione avrebbe potuto realizzare il Parma con Biabiany e Giovinco, gol che per poco rischia di segnare Belluschi e che trova Palacio al sesto minuto di recupero La beffa è servita.

LE PAGELLE

IL TABELLINO DI GENOA-PARMA 2-2

GENOA 4-3-1-2
1Frey, 7Rossi, 5Granqvist, 13Kaladze, 24Moretti (dal 23' s. t. 9Ze Eduardo), 27Costant, 33Kucka, 4Veloso (dal 12' s. t. 20Mesto), 25Belluschi (dal 45' s.t.19Jorquera), 11Jankovic, 8Palacio
A disp: 1Lupatelli, 3Carvalho, 10Birsa, 18Alasshan,

PARMA
83Mirante, 5Zaccardo, 19Ferrario, 6A. Lucarelli, 7Biabiany, 15Mariga, 24Musacci (dal 12' s. t.  4Morrone), 8Galloppa,18Gobbi  (dal 27' p. t. 23Modesto), 10Giovinco, 11Floccari (dal 16' s. t. 80Valiani)
A disp: 1Pavarini, 2Jonhatan, 21Okaka, 33Santacroce

Arbitro: Sig. Romeo di Verona
Marcatori: al 6'p. t. Gobbi (P), al 8' s. t. Floccari (P), al 33' e al 51' s. t. Palacio (G)
Ammoniti: al 42' p.t. Biabiany (P), al 11' s. t. Musacci (P), al 11' s.t. Rossi (G), al 22' s. t. Kucka (G)
Espulsi: al 52' s. t. Lucarelli (P)

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

  • Homepage
  • Ultim'ora
  • Cronaca
  • Zone e Quartieri
  • Sport
  • Politica
  • Eventi
  • Cinema
  • Economia e Lavoro
  • Salute
  • Attualità
  • Ambiente
  • Video
  • Foto
  • Notizie dall'Italia
  • Meteo
  • Segnalazioni
  • Opinioni
ParmaToday è in caricamento