menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parma, la carica di Bruno: "Manca Inglese? Ce la giochiamo..."

Il capitano crociato: "Sto bene, ci aspetta una grande partita"

Alla sua sinistra aveva la sua maglia, la numero 22 con la quale si sta imponendo al Parma: a destra il capitano di mille battaglie, "uno che non ci ha lasciato mai e che ha dato e dà ancora tanto a questa squadra". Il capitano Bruno al fianco del capitano Lucarelli "che ci aiuta ogni giorno facendoci capire cosa significhi giocare e lavorare per il Parma, cosa significhi dedicare la propria vita per questo club e questo è molto importante per tutti quelli che sono arrivati qui, in un club così importante".

Bruno Alves viene assalito dai tifosi che si dividono e fanno la fila al Museo del Parma per farsi firmare l'autografo: Lucarelli ascolta compiaciuto, con le mani dietro la schiena e se la ride: "Mi sto allenando per raggiungere la giusta forma in vista della partita di Genova - spiega Bruno Alves - ho un piccolo fastidio al ginocchio ma penso di poterlo risolvere in tempo per la gara. Mi aspetto di essere pronto per un’altra difficile gara, saranno tutte difficili da qui alla fine della stagione. Sono giunto qui con ambizioni, è importante per noi credere di poter fare punti in ogni gara, ne abbiamo già conquistati alcuni da inizio stagione e speriamo di poter mantenere questo trend fino alla fine della stagione credendo fortemente di poter fare punti in ogni gara che andremo ad affrontare. Le assenze? Noi crediamo in tutti i giocatori che abbiamo a disposizione, abbiamo avuto delle assenze nelle ultime gare come quella di Inglese ma siamo comunque riusciti a vincere l’ultima gara, possiamo quindi fare punti con i giocatori che ora sono disponibili e chi giocherà al posto degli assenti potrà fare un buon lavoro. Sto bene qui, mi sto adattando alla squadra, sono stato accolto bene da tutti, i giocatori mi hanno fatto sentire come a casa.

bruno alves-5-2

Anche i risultati sono stati importanti, hanno contribuito ad aumentare l’umore generale della squadra e dobbiamo mantenere la stessa mentalità in tutte le gare. L’eredità di Lucarelli? Non ha mai lasciato la squadra, il capitano è rimasto sempre qui con noi, con la sua esperienza ci aiuta ogni giorno e ci fa capire cosa vuol dire giocare e lavorare per il Parma, cosa significa dedicare la propria vita per questo club e questo è molto importante per tutti quelli che sono arrivati qui, in un club così importante. Come mi trovo a Parma? Molto bene, è una bella città e mi sto ambientando, ormai la posso considerare come casa mia: questo è per me è molto importante, giocare per il club di una città che senti come casa tua. La mia esperienza mi insegna che bisogna dare il massimo: se lo fai, i tifosi se ne accorgono. E qui stiamo tutti facendo il massimo, dai giocatori allo staff e tutti quelli che lavorano qui. Per noi è molto importante avere questo legame con i tifosi. Tutti noi stiamo lavorando per migliorare, se diamo il meglio possiamo ottenere altri punti nelle prossime gare".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Aeroporto: da Parma nuovi voli verso Olbia

Ultime di Oggi
  • Sport

    Altro tonfo, il Parma perde partita e speranze di salvarsi

  • Cronaca

    Vendeva cocaina in strada, arrestato nigeriano

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento