Sport

I Boys a Collecchio: "Uniti, insieme ne usciremo"

Un discorso ai calciatori, invitati a un impegno maggiore, e qualche coro per D'Aversa, al suo secondo allenamento

Una visita a sorpresa, una testimonianza d’amore nei confronti della squadra del cuore. Che sta soffrendo e avrebbe forse bisogno della sua tifoseria per comprendere appieno certi stati d’animo. Il Parma non sta bene, al suo capezzale sono accorsi i Boys, il tifo organizzato che da sempre si prodiga per la squadra della città. Al termine dell’allenamento, da sopra la terrazzina che dà sul campo principale del centro sportivo di Collecchio, una rappresentanza della frangia che da sempre segue il Parma, ha supportato i propri beniamini, dando il benvenuto a Roberto D’Aversa, tornato sui campi che calca ormai da quattro stagioni.

Nel pieno rispetto delle regole anti contagio, i tifosi si sono rivolti alla squadra cercando di spronarla, in un momento che vede il Parma terzultimo in classifica, con il peggior attacco e la seconda peggior difesa di un campionato difficile che per ora vive una grande bagarre in zona salvezza. I tifosi hanno fatto sentire la loro vicinanza alla squadra, hanno esortato i calciatori – che adesso sono anche privi dell’alibi dell’allenatore – a reagire, a calarsi nella parte e soprattutto a impegnarsi per uscire da questa crisi. Nelle ultime quattro gare, il Parma ha subito quattro sconfitte, incassando 12 gol e segnandone appena 1. Numeri che non soddisfano di certo. I Boys hanno voluto sottolineare un concetto: da sempre vicini alla squadra, anche nei momenti di difficoltà, servirà l’unità per tirarsi fuori da una palude che per ora non è preoccupante.  Bisogna però invertire la rotta.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I Boys a Collecchio: "Uniti, insieme ne usciremo"

ParmaToday è in caricamento