Il Parma parla arabo, tutto pronto per l'ingresso di Al Mana Group: cifre e dettagli dell'affare

Un affare da 63 milioni di euro in cinque anni

Foto dal Web

E' tutto pronto per accogliere un gruppo nuovo all'interno del Parma. Nuovo Inizio ha trovato un socio credibile (e solvibile), per portare avanti un progetto ambizioso. Nel futuro crociato c'è l'Arabia, c'è Al Mana Group, un’azienda creata all’inizio degli anni 50 in Qatar. Il fondatore Saleh Al Hamad Al Mana ha dato il via al business rivolgendosi al mercato del commercio e dei trasporti, ma ben presto il portfolio di investimenti si è diversificato arrivando a includere costruzioni, automotive ed edilizia. Negli ultimi anni, i figli del fondatore hanno dato nuovo impulso alle attività di famiglia divenendo distributori esclusivi in Qatar di Nissan, Infiniti e Renault. Il settore dell’automotive si è rivelato a sua volta trainante per nuovi interessi che hanno portato il gruppo a divenire il distributore esclusivo di brand della moda e del lusso. Diesel, Zara, Sephora, ma anche McDonald’s, illy, Grom sono tutti entrati a far parte del Mirqab Mall, il centro commerciale del gruppo inaugurato nel 2017. 

Al timone dell’azienda sono attualmente i tre figli del fondatore. Hisham Saleh Al Mana, il presidente del gruppo, Kamal Saleh Al Mana e Wissam Al Mana. Quest’ultimo è l’imprenditore che ha sempre avuto maggiore visibilità nel trio, anche per i trascorsi matrimoniali con Janet Jackson. Classe 1975, il direttore generale ha un patrimonio stimato di un miliardo di dollari.

Ma è il più riservato Hisham l’uomo forte della famiglia e sarebbe lui destinato a rappresentare Al Mana nel Parma Calcio. Nel complesso, l’ascesa dell’Al Mana Group è una storia d’imprenditoria qatariota che ha fatto del legame con le grandi aziende occidentali il proprio punto di forza. Distribuendo i grandi marchi ha costruito una fortuna, un modello di business simile all’astro nascente del calcio italiano Antonio Percassi, proprietario dell’Atalanta ma soprattutto della holding Odissea Srl che raggruppa centri commerciali e distribuisce le reti di vendita in Italia di grandi marchi internazionali (da Starbucks a Gucci passando per Nike). 

La famiglia Al Mana possiede inoltre direttamente o attraverso fondi di investimento, numerosi alberghi di lusso in Qatar, a partire dal leggendario “W” Palm a Doha.  L’elemento di novità in un’iniziativa imprenditoriale come questa sarebbe muoversi per la prima volta al di fuori del territorio di casa ed entrare contemporaneamente come parte attiva di un club calcistico. Forse anche per questo la vecchia proprietà del Parma non uscirà immediatamente dall’organigramma e, pur in posizione di minoranza, agevolerà l’inserimento degli Al Mana nel calcio italiano. Nel Cda potrebbe essere presente anche Guido Barilla, come espressione di Nuovo Inizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoratori si ribellano: "Il 15 gennaio apriremo nonostante i divieti"

  • Ecco cosa si può fare da lunedì 11 gennaio a Parma

  • Le regole dopo il 15 gennaio: ecco quando si potrà andare a trovare parenti e amici

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Parma scongiura la zona rossa

  • Dal 16 gennaio Parma rischia la zona rossa

Torna su
ParmaToday è in caricamento