Il Parma prepara la Fase due: in campo a metà settimana

Il club crociato aprirà il centro sportivo per chi vorrà allenarsi. Intanto la società ha richiamato i calciatori dall’estero

Stefano Bruno, preparatore atletico - foto Ansa

La fase due del Parma comincerà in settimana: probabile che la data sarà quella di mercoledì 6 maggio, giorni più, giorno meno. In mezzo alla settimana chiave per l’Italia che riparte, anche il club crociato prova a fare lo stesso aprendo le porte del suo centro sportivo ai giocatori che vorranno entrarci per allenarsi. Non sono previsti tamponi per i calciatori che vogliono allenarsi al Centro Sportivo: sono invece previste delle norme da osservare per il rispetto del distanziamento sociale: allenamenti individuali con un numero massimo di giocatori per campo impegnati a curare la parte atletica senza nessuno membro dello staff tecnico a seguirli, senza la possibilità di fare la doccia a Collecchio, dove gli uffici, la palestra e gli spogliatoi resteranno comunque chiusi in osservazione delle norme anti contagio. 

È questo il piano del Parma che ha ottenuto il via per gli allenamenti individuali degli atleti al chiuso del centro sportivo sanificato è messo a punto per l’occasione emergenziale. Con vista al 18 maggio, quando secondo l’ultimo decreto governativo saranno consentiti gli allenamenti per l’intera squadra. 18 maggio attualmente distante se si considera che fino a quella data il Governo potrebbe anche a decidere di chiudere tutto fermando lo show di un pallone che continua a rincorrere date per cercare di concludere la stagione. 

Intanto il club, per farsi trovare pronto in caso di ripartenza, ha richiamato i giocatori all’estero già una settimana fa: qualcuno è rientrato, altri come Kulusevski, restano in attesa di capire che ne sarà del pallone italiano per continuare a lavorare seguendo i programmi personalizzati stilati dal prof. Luca Morellini sotto la supervisione di Roberto D’Aversa. Chi rientra dall’estero dovrà osservare due settimane di isolamento prima di mettersi a disposizione del club per l’eventuale ripartenza di gruppo. Decisivo in questo senso potrebbe essere l’8 maggio, quando è atteso il probabile sì della Germania per la ripartenza del campionato. La Bundesliga dovrebbe guidare il partito di chi vuole ripartire, formato anche da Inghilterra, Portogallo, Danimarca, Polonia e Spagna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoratori si ribellano: "Il 15 gennaio apriremo nonostante i divieti"

  • Le regole dopo il 15 gennaio: ecco quando si potrà andare a trovare parenti e amici

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Parma in zona arancione: il calendario delle regole nel fine settimana

  • Parma scongiura la zona rossa

  • Le contraddizioni del decreto: zona arancione con più limitazioni della zona rossa

Torna su
ParmaToday è in caricamento