rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Sport

Il Parma riparte da Gervinho: senza Inglese tocca a Ceravolo

Il centravanti di D'Aversa, alle prese con il mal di schiena, ha trascorso gran parte della settimana in infermeria. A questo punto il suo forfait contro l'Atalanta sembra scontato

Non dite a Roberto D’Aversa di essere un allenatore fortunato. Non in questo periodo almeno. Se in precedenza qualche mancanza è stata oscurata dagli episodi girati a favore, attualmente non si può dire che l’allenatore del Parma sia assistito dalla dea bendata. Non sugli infortuni, un annoso problema con cui il tecnico nato a Stoccarda si trova a convivere praticamente da quando è arrivato. Le sue annate, terminate con successi pesanti, sono state caratterizzate da una grande quantità di problemi (muscolari e non) che hanno minato persino la credibilità – nell’opinione pubblica – del suo staff. Ma i risultati D’Aversa li ha sempre portati a casa anche e soprattutto grazie al lavoro della sua squadra, fatta di tecnici e preparatori, nella quale crede moltissimo. Pazienza – dunque - se per quello che sembrava essere un problema di lieve entità, Roberto Inglese non sarà disponibile con l’Atalanta. Non è ancora ufficiale, ma si va verso il secondo forfait dopo l’assenza giustificata di Genova, quando l’attaccante ha dovuto dare forfait lasciando il posto al bomber ‘di scorta’ Fabio Ceravolo che – con ogni probabilità – giocherà la sua partita da ex all’Atleti Azzurri d’Italia, contro la squadra che gli ha permesso di conoscere la Serie A, dopo averla assaporata a Reggio Calabria. Sarà lui con ogni probabilità a non far rimpiangere Inglese in una partita in cui il Parma ha bisogno di riscattare – almeno in parte, senza l’obbligo – il brutto passo falso rimediato in casa contro la Lazio al termine di una partita difficile, giocata contro un avversario più forte.

ATALANTA IN RIPRESA - Più forte, almeno sulla carta, lo è anche l’Atalanta che in un brutto avvio è riuscita a vincere solamente due volte, contro Frosinone e Chievo, prima di incappare in una serie notevole di impasse che hanno provocato tre pari e altrettante sconfitte. Un avversario che però è in netta ripresa dopo la cinquina rifilata al Chievo di Ventura che va affrontato con attenzione. I nerazzurri sono bravissimi a giocare tra le linee, a lanciare gli esterni e a sganciare gli interni di centrocampo abili a sfruttare le sponde di Duvan Zapata, ancora a secco in questo campionato. gervinho-goò-2Insomma, un avversario tosto che però dà l’impressione di avere qualche punto debole soprattutto nell’organizzazione difensiva non più roboante e da manuale del calcio come un tempo. Il buon Gasperini, da molti considerato un maestro del calcio, sta forse pagando una preparazione cominciata all’alba di un’estate intensa che ha visto i suoi uscire dall’Europa League per mano dei danesi del Copenaghen, ai rigori. In più qualche singolo ha pagato pesantemente la preparazione (vedi Ilicic) e i frutti raccolti non sono quelli di un tempo. Ma adesso le cose, pare, stanno ritornando ad essere più o meno accettabili per quelli che sono gli standard di una squadra che negli ultimi anni ha stupito. Fino ad ora a stupire è stato anche il Parma che all’Atleti Azzurri avrà un Gervinho in più.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Parma riparte da Gervinho: senza Inglese tocca a Ceravolo

ParmaToday è in caricamento