menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Andreas Cornelius - Foto Ansa

Andreas Cornelius - Foto Ansa

Il Parma si siede troppo presto

D'Aversa non riesce a dare una sterzata e subisce la terza rimonta (dopo Sassuolo e Verona) da situazione di vantaggio. Chi entra dà sempre troppo poco, i limiti del mercato si fanno sentire

Non sono bastati i 15 tiri, contro i 12 dell’Udinese, né che di questi 15, 6 finissero in porta. Alla fine Roberto D’Aversa si ritrova senza vittorie e con un pugno di sabbia in mano: 9 le occasioni che conterà il Parma alla fine della partita, quattro disinnescate da Musso, di gran lunga il migliore dei suoi con Rodrigo De Paul, che di professione fa il tuttocampista. Abbinando qualità a quantità. Il punto conquistato ieri non fa certo felice il Parma, che non vince in casa dal 4 ottobre, da un girone, dalla gara contro il Verona. Da dieci partite al Tardini, da 14 in totale. Numeri che inchiodano D’Aversa e i suoi al penultimo posto in classifica, sempre più marcata la differenza di punti che c’è con la quartultima piazza, il Torino che ha saputo superari i suoi limiti strutturali sopperendo alle difficoltà tecnico-tattiche con l’orgoglio del cuore granata.

Nicola è riuscito a fare quello che a D’Aversa per il momento non sta riuscendo: tirare fuori il coraggio dai suoi, rafforzare l’animo tramortito dai risultati negativi. Il Torino, come il Parma, è tornato sui suoi passi, ammettendo il fallimento di un progetto partito con altri propositi in estate, frantumatosi nell’idealismo e nei pessimi risultati di Giampaolo. Al Parma ci sono volute 16 giornate per capire che le idee intavolate in fretta e furia in estate non sono mai decollate. Che non fosse l’anno giusto per le rivoluzioni lo dimostrano i progetti di Genoa (cacciato Faggiano, esonerato Maran) e Cagliari che seppur tardivamente rispetto alle altre concorrenti per la salvezza, ha messo da parte Di Francesco (al quale Giulini aveva anche rinnovato il contratto) per affidare le residue speranze di salvezza a Semplici. Ma nel caso del Parma, le rivoluzioni sono state imposte dalle contingenze del momento. Da un vortice di fatti che ha travolto un po’ tutti. Tolto il Genoa, che pare solido e in fuga verso porti sicuri, bravo a svoltare con Ballardini, le altre squadre lottano per non retrocedere.

E al momento due dei tre posti sembrano destinati al Parma e al Crotone. Parma che non ha certo giovato del cambio d’allenatore (2 punti in 7 partite, terza rimonta dopo una situazione di vantaggio). Anche se qualcosa di diverso si è visto a livello tattico e di gioco, soprattutto contro l’Udinese. Purtroppo pure con D’Aversa sono emersi i limiti strutturali di una squadra male allestita, alla quale chi entra finisce sempre per non dare nessun apporto, che fisicamente crolla dopo un’ora di gioco e qualcosa in più, intrappolata nelle paure di una classifica che scotta e di un pallone che aumenta di peso, gara dopo gara. Non è bastata la scelta di scuotere il gruppo con la tribuna di Kurtic e Gervinho, rei di non avere coscienza del momento (eufemismo), né di dare spazio a giovani talenti o presunti tali (Mihaila, ha fatto bene perché – guarda caso – era il più pronto davvero). In fondo, nessuno conosce i tempi del raccolto meglio del padrone dell’orto, arrivato a cose più o meno fatte senza riuscire a raddrizzare una situazione che vede i suoi a un passo dal baratro.

E che adesso sperano nel riscatto con lo Spezia, al Picco, per evitare di cadere in maniera definitiva. Sarebbero guai seri, poi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: scuole di Parma e provincia vicino al rischio chiusura

  • Cronaca

    Covid: a Parma quasi 46 mila vaccinazioni

  • Cronaca

    Parma rischia di finire in zona rossa

  • Cronaca

    Firmato il Dpcm: tutte le restrizioni fino a Pasqua

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento