rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Sport

Il Tardini spinge il Parma verso la Serie A: superata quota 200mila tifosi

Sono più di mille gli abbonamenti sottoscritti durante l'apertura straordinaria della Campagna abbonamenti: c'è tempo fino al 7 giugno. Intanto il progetto definitivo, dopo il lungo iter partecipativo, è arrivato a conclusione. Prossimo passo il deposito in Comune

La forza del Tardini può spingere il Parma verso un sogno che si chiama Serie A. Lo stadio, in attesa del restyling, è tornato ad abbracciare la squadra come ai bei tempi. Sono già più di un migliaio i tifosi che hanno sottoscritto l'abbonamento durante l'apertura speciale della campagna per la prossima stagione. C'è tempo fino al 7 giugno. Intanto nella regular season conclusasi con il Venezia si sono registrate presenze che un po' avvicinano i numeri dell'ultima stagione vittoriosa in Serie B. Superata quota 200 mila (204.280 per la precisione) in 19 partite casalinghe, con picchi di poco sotto ai 15 mila (14.839) spettatori nella partita contro il Palermo, la più vista allo stadio. Un buon viatico in vista delle partite che contano nelle quali si giocherà per la gloria vera. La squadra di Pecchia aspetta la vincente tra Cagliari e Venezia: giocherà in casa sabato 3 giugno, alle 20:30. Facile intuire, anche grazie alla politica della società che mantiene prezzi popolari per l'occasione, come al Tardini ci sarà un'altra buona cornice di pubblico. L'ultima volta che il Parma è stato promosso in Serie A, nella stagione 2017-2018, ha fatto registrare 239.093 spettatori in 21 partite. Il picco massimo in quell'occasione è stato raggiunto nella partita contro il Foggia, complice la folta tifoseria ospite: si è toccato quota 14.820. In quell'anno il Parma si è posizionata al terzo posto per presenze negli stadi, quest'anno invece è settimo, con una media di 10.752 persone a partita (dati di stadiapostcards.com)

Quattro partite alla fine, due di queste (semifinale ed eventuale finale di ritorno) da giocare davanti ai propri tifosi per gonfiare maggiormente i numeri. È come se lo scetticismo autunnale fosse stato spazzato via. Non tanto per via delle presenze: quelle ci sono quasi sempre state, quanto per il sostegno alla squadra che non è mai mancato. La gente ci crede, sente il profumo di quella che - visto come è andata l'annata - può essere catalogata come una mezza impresa. La magra consolazione di Pecchia può essere trasformata nel sogno di Krause, spinto appunto da un Tardini pieno. Siamo lontani dal numero di spettatori toccato nell'anno della prima Serie A dopo il fallimento (320mila tifosi nella stagione '18-'19) con una media spettatori di 16.522 a partita. D'accordo, c'erano le big (Juventus, Inter, Milan, Napoli, Lazio, Roma) ma sono i numeri che Krause vorrebbe raggiungere. Magari nel nuovo Tardini, aspettando il restyling. A proposito dei lavori: il progetto definitivo, dopo il lungo iter partecipativo, è arrivato a conclusione e salvo imprevisti dovrebbe essere depositato in Comune a breve. I tifosi aspettano novità su questo fronte: intanto sono già più di 1000 quelli che hanno sottoscritto l'abbonamento per la prossima stagione, indipendentemente dalla categoria. Se non è questo un atto di profana fede... 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Tardini spinge il Parma verso la Serie A: superata quota 200mila tifosi

ParmaToday è in caricamento