Anche il Parma sostiene la campagna AIL Stelle di Natale

Nei giorni 8, 9, 10 e 11 dicembre si svolgerà la tradizionale iniziativa dell'AIL che offrirà, grazie all'impegno di migliaia di volontari, in 3800 piazze italiane, oltre 800.000 Stelle di Natale

La stretta di mano tra Hernan Crespo e il dottor Vittorio Rizzoli

Torna l’appuntamento con la solidarietà per rendere le leucemie, i linfomi e il mieloma sempre più guaribili: nei giorni 8, 9, 10 e 11 dicembre si svolgerà la tradizionale iniziativa dell’AIL che da ventidue edizioni fa appello alla solidarietà di tuttiL’AIL offrirà, grazie all’impegno di migliaia di volontari, in 3800 piazze italiane, oltre 800.000 Stelle di Natale a chi verserà un contributo minimo associativo di Euro 12, diventando così “Sostenitore” dell’Associazione. Solo le “Stelle dell’AIL” sono caratterizzate dal “logo” dell’Associazione.

Anche l’Ail di Parma ovviamente aderisce alla campagna e il presidente della sezione locale, prof. Vittorio Rizzoli, in collaborazione con il Parma Fc, ha lanciato il proprio appello dal centro sportivo di Collecchio per sensibilizzare tutti gli sportivi e i parmigiani. "L’Ail di Parma è nata 16 anni fa e conta ormai quasi 10 mila volontari che con grande impegno e dedizione contribuiscono a fare di ogni nostra iniziativa un successo. Colgo l’occasione per ringraziarli con affetto. Come ringrazio il Parma. Lo scorso anno fu Galloppa il nostro testimonial, quest’anno è Hernan Crespo. Proprio perché intendiamo ripetere i successi passati, anche ora, nonostante il periodo di grande crisi a livello nazionale, siamo a chiedere a tutti i parmigiani di non far venire meno la generosità già dimostrata nelle scorse iniziative. Soprattutto adesso che il momento economico è particolarmente difficile abbiamo bisogno di tutto l’aiuto possibile. Parma ha un centro di ematologia che non ha nulla da invidiare alle principali strutture europee. ail-2-2

Per mantenere questi standard e magari migliorarli abbiamo bisogno di sostenere lo studio e la ricerca, di offrire soggiorni all’estero ai nostri professionisti perché possano aggiornarsi sulle nuove tecnologie. Come abbiamo bisogno di sostenere i malati che necessitano di cure anche al di fuori della struttura ospedaliera e di farmaci costosi. Per questo mi rivolgo ai tutti i parmigiani che ci sono sempre stati vicini. Dall’8 all’11 dicembre saremo a Parma, sotto i portici di Via Mazzini e in Piazzale della Steccata con i nostri volontari, oltre che nelle piazze dei paesi di tutta la provincia,  e con le nostre stelle di Natale che quest’anno sono ancora più belle.  In questo momento il 70% degli ammalati che curiamo guarisce. Vogliamo guarire anche il restante 30% e permettere a coloro che lottano contro leucemie e linfomi di potersi curare in Italia. Facciamo allora uno sforzo tutti insieme – ha concluso il professor Rizzoli – per ripetere quanto di buono è già stato fatto con le precedenti campagne”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento