Parma, Leonardi si coccola Giovinco e giura: "Da qui non me vado"

L'a.d. crociato ha parlato del suo gioiello e del rapporto con l'ambiente Parma a Radio Manà Sport: "Difficile definire il destino di Giovinco. Io? Non andrò via, sto bene qui"

Pochi giorni fa è rimbalzata una notizia che ha destato preoccupazione alla Parma del pallone. "Leonardi piace alla Fiorentina". Che fa, ci va? Ci lascia? I tifosi hanno vissuto nell'incertezza fino a qualche ora fa, incertezza alimentata da quel "No comment" dietro al quale l'a.d. sembrava volersi nascondere. Poi la prima smentita, fatta in prima persona a "Bar Sport", poi la seconda, direttamente dalle frequenze di Radio Manà Sport: "Con Ghirardi mi trovo benissimo non andrò via da qui".

NON VADO VIA - Meno male, a cui segue un sospiro di sollievo notevole. A poche ore dalla sfida contro la Juventus, Leonardi fa il punto della situazione, tornando indietro di qualche settimana. Durante la trasmissione ‘Stile Juventus’ dice: "Le polemiche sul rinvio di Parma-Juventus? Il terreno di gioco era coperto, dal punto di vista tecnico-sportivo si poteva giocare. Dal punto di vista di ordine pubblico però non siamo entrati nel merito. Noi stiamo bene, veniamo da una vittoria fuori casa e abbiamo entusiasmo, abbiamo tutto per affrontare l’unica squadra imbattuta del campionato. La Juventus si è identificata in Conte, ci sono tante componenti nuove e sono state plasmate tutte alla grande". E Giovinco, che per metà è della Juve? "Da dirigente sono molto attaccato a Giovinco, è difficile dire quale sarà il futuro. E’ un grande giocatore, lui merita grandi palcoscenici. E’ paradossale che noi non abbiamo avuto concorrenza del prenderlo dalla Juventus in compartecipazione. – continua - Parlare di quello che potrà succedere a giugno sarebbe irrispettoso per i tifosi del Parma, lui con i fatti sta dimostrando di essere un grande. Se le sue giocate le facesse uno straniero sarebbe più sponsorizzato".
L’Amministratore Delegato del Parma parla poi del suo passato: "La Juventus e l’Udinese hanno rappresentato una parte importante della mia vita sportiva e non solo. L’esperienza a Torino è stata una grande palestra, ho appreso molto per come si deve gestire una società di calcio. Sono stati 5 anni ricchi di soddisfazione e di vittorie. Ho avuto la fortuna di crescere tanti campioni che ora giocano in Serie A o in Serie B, tra questi anche Giovinco, Palladino e Mirante che ho la fortuna di avere a Parma, dove mi trovo benissimo con il presidente Ghirardi, è giovane e rispetta i ruoli. Mi trovo troppo bene a Parma e l’arrivo di Donadoni è una ciliegina in più. Abbiamo pagato tanto la retrocessione di tre anni fa e dalla prossima stagione speriamo di costruire qualcosa di più sfizioso".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Torna il volo Parma-Trapani

  • Il contagio si espande: 13 nuovi casi nelle scuole

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento