La grinta di Giorgino: "Tutti parlano di campionato finito, poi..."

Il centrocampista crociato non si fida del Forlì: "Lottano per il secondo posto? Non ci credo, tutti sarebbero felici di fare un punto con il Parma". Blitz di tre mascherati...

Davide Giorgino, ha saltato la partita contro la Ribelle - foto Davide Fornari

Dal nostro inviato

COLLECHIO - Che ci sia una grande serenità, a Collecchio, lo si vede anche dall'irruzione durante una intervista di Corapi e Baraye che con Lucarelli hanno simpaticamente interrotto la conferenza stampa. Maschere e risate, a sostegno di Baraye e a disturbo di Giorgino che non si scompone. Va dritto come in campo per la sua strada pensando al Forlì e tornando un attimo sulla gara di domenica, in cui non ha giocato: " Non potevo dare una mano ai miei compagni, ho sentito la mancanza del campo. Simonetti e Miglietta hanno fatto bene, non dimentichiamoci che eravamo in inferiorità numerica dopo 23' e loro hanno sopperito a una mancanza importante in avanti per l'espulsione di Baraye, hanno fatto una gran partita. Giocando pure contro un centrocampo a tre dall'inizio, sono stati in inferiorità numerica da subito, però si sono proposti bene, facendo inserimenti importanti e andando vicino al gol. L'espulsione di Yves? Mi ha dato la colpa. Non so perché ma so che è stata una ingenuità che non si ripeterà più. Sarà una partita importante, perché andiamo a sfidare una diretta concorrente per il campionato, daremo battaglia per portare a casa la partita". Poi l'attenzione si sposta sulla prossima sfida e sul campionato, che secondo Giorgino, non è chiuso, altro che: "Noi però daremo battaglia e cercheremo a nostra volta di ottenere la vittoria per cercare di allontanare il Forlì. Dovremo essere bravi da qui alla fine ad affrontare al massimo ogni singola partita, e non pensare al futuro. Più saremo concentrati sul singolo obbiettivo settimanale, prima raggiungeremo l’obbiettivo che ci siamo prefissati. Ora arriva il Forlì, poi alle altre penseremo in futuro. Non è facile affrontare nessuno, nelle ultime quattro partite abbiamo ottenuto tre pareggi ed una vittoria, ma anche le inseguitrici non hanno fatto bottino pieno. Penso che sarà dura fino alla fine. Molto dipenderà anche da noi e da come affronteremo le partite. L’allenatore del Forlì ha detto che ormai sono rassegnati ad arrivare secondi? È un giochino che fanno un po’ tutti, ogni settimana leggiamo dichiarazioni di questo tenore. Dicono di essere destinati alla sconfitta, poi per un pareggio li vediamo esultare come per una vittoria e si esaltano in modo eccessivo. Penso che la verità sia che tutti sperano di fare risultato contro il Parma, cercano di batterlo e sperano di sfruttare passi falsi da parte nostra. Noi dobbiamo restare concentrati fino alla fine. Si può sempre scivolare da un momento all’altro quindi la concentrazione dev’essere massima fino alla fine”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La psicosi della banda armata di spranghe: ma è solo una fake social

  • Si schiantano in auto contro un tir in A1: muoiono una 24enne incinta e il suocero 76enne

  • VIRUS CINESE | CASO SOSPETTO A PARMA: donna al Maggiore

  • "Fascista di m... ti prendo a schiaffi": candidata della Lega aggredita e minacciata a Sissa

  • Bollo auto, sconti e nuova modalità di pagamento: cosa cambia nel 2020

  • Fontanellato, operaio investito da un muletto: 59enne gravissimo al Maggiore

Torna su
ParmaToday è in caricamento