menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gigi Apolloni in panchina a Forlì - foto D. Fornari

Gigi Apolloni in panchina a Forlì - foto D. Fornari

LA VOCE DEI PROTAGONISTI | Apolloni, Guazzo e Baraye: il Parma sorride

Il tecnico: "Siamo vivi". L'attaccante è tornato titolare e ha segnato: "Diamoci una svegliata". Mentre il numero dieci, migliore in campo: "Attacco e difendo per il Parma

Dal nostro inviato

FORLI' - Ecco tutte le dichiarazioni del dopo Forlì-Parma.

LUIGI APOLLONI - "Nella prima parte della partita abbiamo usato molta rabbia e poca razionalità, mentre nella seconda abbiamo abbinato alla razionalità anche la rabbia. Siamo una squadra che sta cercando di crescere dando continuità alle prestazioni. La squadra ha, comunque, dato dimostrazione di essere viva dopo la bruttissima prova con la FeralpiSalò. Dobbiamo trovare i meccanismi nel coprirci a vicenda. Sotto questo punto di vista dobbiamo lavorare per evitare di prendere tre gol come capitato stasera, cercando di essere razionali. Nella seconda frazione di gioco siamo stati bravi ad avere pazienza, a sfruttare la capacità dei nostri centrali difensivi Lucarelli, Coly e Canini di far gioco e di far girare la palla, per poi colpire. Guazzo e Baraye in campo  ? Chiunque può essere chiamato in causa in qualsiasi momento. Non è che se uno non gioca per un mese non viene considerato. Ho un parco giocatori importante, anche a livello di giovani. Credo che questa squadra abbia gli attributi. Non è facile riuscire a ribaltare una partita così. Abbiamo sprecato tante energie, anche a livello nervoso. Stiamo lavorando anche sulle distanze da tenere tra i reparti. E’ ovvio che ci sono anche gli avversari, però. Se si ribalta una gara così, vuol dire che dietro c’è un lavoro importante. Non ho mai avuto paura di perdere la partita, perché conosco il valore della squadra. Il Forlì ha fatto un’ottima gara. Gadda è un allenatore molto preparato, ma il calcio è anche questo”.

MATTEO GUAZZO - "Personalmente sono contento per la mia prestazione. Fare un gol e un assist è importante. Quello che conta, però, è la squadra. In questo momento non stiamo dimostrando tutto il nostro valore. Dobbiamo ancora migliorare tanto. guazzo-6-2Una squadra come la nostra non può prendere tanti gol in questo modo. Se vogliamo raggiungere traguardi importanti, non possiamo regalare così tanti spazi agli avversari. Ripartiamo da questi tre punti, ma dobbiamo fare un bell’esame di coscienza. Forse non abbiamo ancora capito la mentalità che ci vuole in questo campionato come approccio. Alla lunga sono certo che i nostri valori verranno fuori, ma non possiamo assolutamente regalare troppo tempo e troppi punti alle nostre dirette concorrenti. Noi siamo con mister Apolloni. Cerchiamo di seguirlo dal primo allenamento del primo giorno di ritiro. Chi va in campo siamo noi, quindi dobbiamo metterci in discussione e in gioco pure noi. Abbiamo tre punti dalla prima in classifica. E’ un campionato equilibrato. Le grandi squadre fanno fatica con le piccole. Bisogna solo pensare a stare tranquilli, poi i nostri valori emergeranno perchè abbiamo un collettivo importante, composto da giocatori di categoria superiore”. 

YVES BARAYE - "L’anno scorso qui a Forlì ero in Curva da tifoso, stavolta ero in campo. Ho urlato allora per sostenere la squadra e oggi di gioia per il mio gol e per la vittoria. Dopo tre partite da mezzala, stando fuori ho capito quanto devo fare. Io so attaccare e per prima cosa devo fare questo. Poi, devo anche difendere e aiutare la squadra. Oggi ho cercato di farlo ed è andata bene. Abbiamo faticato. Gli errori non sono mai dei singoli, bensì di tutta la squadra. Questo ci insegna che dobbiamo rispettare tutti gli avversari. Probabilmente pensavamo che il Forlì è ultimo e che avremmo dovuto subito vincere. La prossima volta dobbiamo partire forte. Ciccio Corapi ci prende in giro e dice che la prossima volta prenderemo due gol, così cominceremo a giocare. Noi regaliamo prima i gol e, poi, giochiamo. Non va bene. Dobbiamo essere più attenti. Ormai siamo abituati a regalare un tempo agli avversari. Pure l’anno scorso lo facevano un pochettino. Lavoreremo su questo aspetto.In ogni modo oggi siamo stati bravi, perchè non era facile rimontare il 2-0. Proveremo, d’ora in avanti, a non regalare gol e a vincere in maniera più tranquilla. Sono uscito anzitempo per crampi”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: oltre 160 casi e due morti

  • Cronaca

    Teatri e cinema riapriranno il 27 marzo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento