menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'esultanza di Sebastian Giovinco - Tm News Infophoto

L'esultanza di Sebastian Giovinco - Tm News Infophoto

Lecce Parma 1-2 | E' poker, Giovinco regala la matematica salvezza

In gol la Formica su punizione e Paletta con un tocco sotto da attaccante vero, per la quarta vittoria consecutiva. Pochissimo Lecce, che ci prova nel finale ma si infrange in un Pavarini ottimo. Un palo a testa

Poker servito. Lecce sempre più giù. Anche la matematica dice salvezza per il Parma, per un bel Parma, pragmatico e cinico, con un Giovinco in più e una maggiore consapevolezza da parte di tutta la squadra, matura al punto giusto, che smorza la tensione e l'atmosfera di una stadio pieno e la trasforma in carica positiva, portandosi a casa dei punti importantissimi per giocarsi le chance di risalita nelle ultime partite. Donadoni avrà dei rimpianti nel guardarsi indietro e scoprirsi alla guida di una squadra che ha creato secondo il suo credo calcistico, forgiandone carattere e mentalità, quella giusta richiesta dai massimi dirigenti. Il risultato di Bologna ha dato una grande spinta al Lecce di Cosmi che, intorno alle 14:30, sente che la salvezza non è più un miraggio. Per realizzare questo sogno e superare il Genoa in classifica, bisogna battere il Parma, nel suo momento migliore dal punto di vista psico-fisico. Corvia si fa male in allenamento, tocca a Muriel affiancare Di Michele. L'ex Blasi si sistema a destra in un 3-5-2 speculare a quello di Donadoni, con Giacomazzi in cabina di regia, ad imitare Valdes. Dall'altro lato non c'è Zaccardo, ma nemmeno Santacroce che viene sostituito da Feltscher, affiancato da Paletta e Lucarelli. Biabiany viene lasciato a riposo, Morrone vicino a lui, mentre sulla mediana agiscono Jonathan e Valiani, con Galloppa e Gobbi sulla sinistra. Il tutto coordinato dalla sapiente regia di Valdes, con Giovinco e Floccari davanti.

IL MATCH - Il Lecce avverte l'importanza della partita, in una giornata caldissima che potrebbe diventare bollente in caso di sconfitta. La fase di studio dura più del previsto, il Parma si copre bene e limita gli avversari in avvio, fino al palo di Di Michele su punizione. Muriel si vede poco, la mediana gialloblu fa un buon filtro, poi fa tutto la tensione. Molti errori da parte dei giocatori di Cosmi che sente la partita e resta in camicia già al 20'. Qualche minuto più tardi Valiani gli fa venire la pelle d'oca, quando, al termine di uno scambio bellissimo con Jonathan, sfiora il palo lontano. Il Parma ha capito che da quella parte può fare male e, intorno alla mezzora, inverte gli interpreti e si fa minaccioso, con il brasiliano che riceve di tacco da Valiani e imita il compagno. Il Lecce è solo nel cross di Di Matteo da sinistra, con il pallone che attraversa tutta l'area ma non trova l'impatto di nessuno.

Cosmi non è soddisfatto, poca inventiva da parte de suoi, con Muriel mai nel vivo del gioco. Più volte spaventato dal Parma, corre ai ripari con Bertolacci sostituito da Oddo che va a destra e Blasi a dare dinamismo al centro. Ma cambia poco perchè la differenza la fa la testa. Quella del Lecce è pesante, quella del Parma è sgombra e produce idee. Giovinco si accende e coglie la traversa. Sono le prove generali per il gol che arriva al 23' con una pennellata d'autore che porta la firma della Formica. Mirante, nel tentativo di bloccare un pallone di Di Matteo, si fa male ad una mano e lascia il campo, al suo posto Pavarini. Il Lecce ha accusato eccome il colpo e non riesce ad impensierire la difesa crociata che si difende con ordine e rischia solo su calcio piazzato, quando Miglionico si vede salvare il suo tentativo da Biabiany. Tentativo che invece non riesce al Lecce, quando Giovinco decide di giocare sono guai per Cosmi. Il silenzio al Via del Mare è imbarazzante, quando Paletta chiude la gara, riaccesa da Tomovic che corregge in rete un angolo. Inutile il forcing finale del Lecce che finisce in dieci per l'espulsione di Esposito e ci prova fino al fischio di Mazzoleni che arriva dopo 5 minuti di recupero. Nei quali il protagonista è stato Pavarini, autore di un intervento ottimo su Seferovic, il migliore dei suoi.

LE PAGELLE

IL TABELLINO DI LECCE-PARMA 1-2

LECCE 3-5-2
81Benassi, 40Tomovic, 5Esposito, 13Miglionico, 26Blasi, 82Del Vecchio, 18Giacomazzi (dal 15' s. t. 8Obodo), 91Berolacci (dal 1' s. t. 30Oddo), 3Di Matteo, 17Di Michele, 24Muriel (dal 28' s. t. 11Seferovic)
A disp: 25Petrarchi,10Bojinov, 28Brivio, 80Carrozzieri
All. Cosmi

PARMA 3-5-2
83Mirante (dal 18' s. t. 1Pavarini), 3Feltscher, 29Paletta, 6A.Lucarelli, 2Jonathan (dal 15' s. t. 7Biabiany), 80Valiani, 17Valdes, 8 Galloppa, 18Gobbi, 10Giovinco (dal 36' s. t. 21Okaka), 11Floccari
A disp: 4Morrone, 22Palladino, 24Musacci, 33Santacroce
All. Donadoni

Arbitro: Sig. Mazzoleni di Bergamo
Marcatori: al 22' s. t. Giovinco (P), al 33' s. t. Paletta (P), al 38' s. t. Miglionico (L)
Ammoniti: al 41' p. t. Miglionico (L), all'8' s. t. Feltscher (P), al 27 s. t. Esposito (L), al 31' s. t. Gobbi (P)
Espulsi: al 46' s. t. Esposito (L)

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento