Sport

Maresca: "Serve qualcosa dal mercato. Vazquez? Ci vuole tempo"

L’allenatore del Parma in conferenza: “Tutino? So che sono avanti, ma non so quanto”

“Dispiace per il risultato, ma ho provato una bella sensazione entrando al Tardini”. Enzo Maresca non ha perso il sorriso, non può toglierglielo un’amichevole con il Sassuolo. Dopo il 3-0, aspetta Vazquez e Inglese, per Tutino non si sbilancia: “So che vanno avanti - ha detto in conferenza stampa -. Ma aspettiamo”. Finalmente un po’ di gente allo stadio: “C’è bisogno dei tifosi. Abbiamo tenuto botta a una squadra che gioca da anni in un determinato modo, che fa un calcio di un certo tipo. Abbiamo fatto bene fino a quando eravamo in parità numerica, poi va detto che noi siamo un cantiere aperto, stiamo lavorando. Sono soddisfatto. All’inizio abbiamo avuto qualche occasione, non credo che sia una questione di mancanza di cattiveria, ci è mancato forse un pizzico di fortuna e per finalizzare in un determinato modo. Non vedo problemi, l’importante era creare. Abbiamo creato fino al 60esimo, fino a quando siamo rimasti in parità numerica. Ci sono stati dei momenti della gara in cui eravamo noi a fare la partita. Inglese e Vazquez? Franco è arrivato questa settimana, bisogna ancora aspettare. Serve un po’ di tempo, per far si che si possano assimilare bene le idee. Sono contento per la partita di stasera, contro una squadra che reputo molto brava, mi dispiace poi per il risultato. Buffon? Il Parma è in buone mani, non c’era bisogno della conferma. Abbiamo due ottimi portieri.

Il mercato? Qualcosa faremo, c’è bisogno di qualche nuovo acquisto. Sicuramente qualcosa si farà, per completare. Ma già con l’arrivo di Franco qualcosa si vedrà. Inglese per noi è una priorità, è importante l’attaccante per il nostro gioco. Vazquez, ma anche Osorio e Roberto, sarebbero fondamentali per la nostra crescita. Tutino? So che vanno avanti, ma non so a che punto sono”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maresca: "Serve qualcosa dal mercato. Vazquez? Ci vuole tempo"

ParmaToday è in caricamento