rotate-mobile
Mercoledì, 28 Settembre 2022
Sport

Coppa dei Club Padel MSP, secondo posto per il Pro Parma

I Campioni dell’Emilia Romagna cedono soltanto in finale, perdendo contro il Mas Padel

Rimane un tabù la Finale Nazionale per il Pro Parma Padel Academy. La squadra capitanata da Nicola Fagetti ha infatti ceduto soltanto nella finalissima nella lotta all’agognato titolo che insegue da tre anni. Dopo la vittoria all’ultimo respiro contro Spazio Newton ai quarti e il successo in semifinale contro il Padelmania Pescara, il Pro Parma è uscito sconfitto per 3- 1 nella Finale contro i romani del Mas Padel. Rimane tuttavia un percorso di prestigio per i
parmensi, con la vittoria regionale e una strada tracciata che la vede protagonista da tre anni del movimento amatoriale padel.

Si è chiusa così la settima edizione del campionato nazionale amatoriale organizzato da MSP Italia, che per questa fase finale ha potuto contare sul patrocinio della Regione Abruzzo e del Comune di Pescara. Oltre 300 gli atleti coinvolti nel weekend (4.000, invece, quelli iscritti al torneo), con le 14 squadre qualificate alle finali provenienti da dieci regioni: Abruzzo, Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Marche, Puglia, Sardegna, Toscana, Umbria, Veneto.

Ma a trionfare, a Pescara, è stata soprattutto l’inclusione: nella competizione di Padel Mixto, che vedeva impegnati in campo un atleta in piedi (normodotato) e uno in carrozzina (diversamente abile), a conquistare il titolo è stata la squadra della Lombardia composta da Luca Facchetti – figlio dell’indimenticabile Giacinto – e dall’amico Giuseppe Galliano. «A Milano non ci sono coppie di Mixto con cui allenarsi – spiega Facchetti -. Speriamo che
eventi come questi possano incrementare la pratica». «Un anno fa, quando abbiamo avuto l’idea di intraprendere questo percorso – sottolinea Luca Alessandrini, presidente dell’ASD Sportinsieme Roma, promotrice dell’evento Padel Mixto -, in campo eravamo in tre. Vedere così tante persone diversamente abili che si stanno avvicinando alla pratica del padel ci riempie di gioia. Lo sport non ha barriere». 

Si è fermata in semifinale, invece, l’avventura del Padelmania Pescara padrone di casa, con in campo Gigi Di Biagio e Christian Panucci. «Ringrazio MSP Italia per averci dato la possibilità di organizzare la fase finale – le parole di Di Biagio, co-proprietario del circolo -.padel è uno sport vincente perché possono giocare e divertirsi tutti. Gli ex calciatori più forti? Fiore, Totti, Candela e Locatelli, ma in generale il padel è uno sport così diffuso tra gli ex giocatori perché richiede lettura, reattività, coraggio, pressione, equilibrio. E per movimenti è molto più simile al calcio di quanto si possa pensare». «Mi sono
completamente innamorato del padel – aggiunge Panucci -. Uno sport che mi fa sentire vivo e mi tiene il fuoco acceso. Gioco spesso, in tutte le parti d’Italia, a tutte le ore del giorno. Il segreto del padel è l’accessibilità di questo sport, aperto a chiunque: in Spagna sono maestri, ma noi italiani siamo veloci a capire e furbi e presto ridurremo il gap». A premiare le squadre vincitrici, tra gli altri, l’assessore allo sport del Comune di Pescara Patrizia Martelli e l’Ammiraglio Luca Sancilio, vicecaporeparto del V Reparto dello Stato Maggiore della Difesa. «Il weekend di Pescara è stato la ciliegina sulla torta di un’edizione esaltante – il bilancio di Claudio Briganti, responsabile nazionale del settore padel di MSP Italia -. La risposta di tutte le regioni è stata straordinaria, ma è stato emozionante
soprattutto vedere in campo i protagonisti del Padel Mixto. Il padel è di tutti, normodotati e diversamente abili». «Siamo orgogliosi di essere al fianco di Sportinsieme Roma in questa operazione – spiega Giuliano Guinci di Fondazione Entain, che ha supportato la manifestazione –. Padel Mixto è un’iniziativa pensata proprio per superare qualsiasi barriera, mettendo al centro i valori positivi: l’impegno, la passione condivisa, il gioco di squadra, la competizione sana. Sono valori che uniscono e che Entain è impegnata a promuovere».

Significativa la presenza degli sponsor, tra cui birra Tsingtao, Tap Air Portugal, Cisalfa Sport, Acqua Cottorella, Babolat ed Ente del Turismo di Barbados, quest’ultimo protagonista con i suoi celebri cocktail al rhum nella cena di gala organizzata sabato sera a Pescara con oltre 250 ospiti.

Il sito ufficiale www.coppadeiclub.it, i media partner Corriere dello Sport, Tuttosport, Prima Press, Sport Club, Today.it e Mr Padel Paddle hanno fornito tutti gli aggiornamenti sulle finali, mentre le partite sono state trasmesse in streaming sulla pagina Facebook “Padel Amatoriale” grazie alla collaborazione con MY Social Padel.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coppa dei Club Padel MSP, secondo posto per il Pro Parma

ParmaToday è in caricamento