menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

LE PAGELLE di Brescia-Parma: Palladino ci prova, Paci rovina tutto

I migliori e i peggiori nella partita di oggi allo stadio Rigamonti di Brescia. Pochi sufficienti, si salvano per l'impegno Palladino e Paletta. Deludono Giovinco, impreciso, e Paci, che lascia i suoi in anticipo

BRESCIA

Arcari: s.v. - Poco impegnato, controlla senza affanni.

Martinez: 6,5 – Gran prima parte, quando il Parma era ancora con gli uomini giusti, la sua grinta e il suo carattere si fanno sentire.

Bega: 7- Gran gol e ottima gara. Prende le misure agli attaccanti gialloblu, arginado chiunque passi dalle sue parti.

Zoboli: 6 – Buona gara anche per lui. Non c’è tanto da fare, ma quando viene chiamato in causa, risponde presente.

Mareco ( dal 26’ s. t.): 6 - Continua il lavoro di Zoboli.

Berardi: - 6 Controlla bene Giovinco, frutto anche della sua giornata. Qualche affanno su Palladino, ma merita la sufficienza.

Filippini: 6,5 - Prezioso in fase di copertura, generoso come sempre, va anche in attacco. Molto sostegno ad entrambe le parti.

Cordova: 6,5 - Ci tiene a fare bene contro la sua ex squadra, a lui sono affidate le chiavi del centrocampo. Lotta e detta i tempi.

Konè: 6,5 - Tanta corsa abbinata a tratti a consistenza fisica. Ottimo lo spunto del primo tempo, quando lancia Eder a rete.

Eder: 6 - Si presenta in  palla fin dall’inizio. La sua velocità è preoccupante. Ci pensa Paci a farlo fuori.

Lanzafame (dal 36’ p. t.): 6,5 - Sfrutta la superiorità numerica con la sua voglia di strafare. A volte ci riesce, entra subito in partita.

Caracciolo: 6 - Punto di riferimento per i compagni. Ha il merito di innescare Eder nell’azione dell’espulsione.

Possanzini (dal 18’ s. t.): 6 - Tiene alta la squadra facendola respirare.

Diamanti: 7 - Si sacrifica in copertura e ha il merito di chiudere la gara con un gran gol.

All. Beretta: 6,5 - Grande motivatore, la vittoria parte da lui.

 

PARMA

Mirante: 6 - Parte bene, con una risposta pronta sulla velenosa punizione di Cordova. Reattivo su Lanzafame, pronto su Kone. Incolpevole sulle due gemme del Brescia. Si fa sentire da buon timoniere, ma purtroppo naufraga assieme agli altri.

Zaccardo: 6 - Solita propensione offensiva puntuale, almeno in parità numerica. L’espulsione lo costringe a rimanere sui suoi passi, ma nel momento migliore dei suoi, accompagna l’azione offensiva. Prezioso nel primo tempo quando recupera su Eder, è uno dei pochi a meritare la sufficienza.

Paci: 4,5 - Lascia i suoi in alto mare, con un interventaccio in ritardo che costringe Eder a lasciare il campo.  

Lucarelli: 5,5 - Si perde Caracciolo nella prima vera occasione da gol per il Brescia, se lo riperde nell’episodio dell’espulsione, innescata proprio da un colpo di testa dell’Airone. Impreciso nel primo tempo, un po’ meglio nel secondo, ma non basta.

Gobbi: 5 - Da come aveva cominciato, prometteva bene. Con il passare dei minuti si perde tra gli attacchi tambureggianti di Diamanti e compagni. Impreciso in fase di assistenza, si limita a fare il suo compito, tra l’altro non benissimo. Da rivedere.

Candreva: 5 - L’assenza di Dzemaili doveva essere rimpiazzata da lui. Non ci riesce, rallenta la manovra quando ha il pallone tra i piedi, fa sempre un tocco in più. Lento ed impacciato, non aiuta abbastanza secondo quelle che sono le sue caratteristiche.

Morrone: 5 - I suoi muscoli non bastano, il suo carattere neanche. Il più delle volte corre a vuoto, sprecando energie preziose. Non riesce a tamponare, non strappa palloni.

Valiani: 5 - Spostato a centrocampo per la squalifica di Dzemaili, offre tanta corsa. Molto impreciso nei passaggi, non riesce a dar sostegno alla fase di attacco.

Palladino: 6 - Il migliore dei suoi in una giornata tempestosa. Comincia da esterno, cambia spesso posizione con Giovinco e Crespo, cercando di dare meno punti di riferimento possibili. Trova un grande spunto all’inizio della gara, ma il suo pallone non viene spinto in rete da Crespo. In inferiorità si mette al centro dell’attacco, ma ha pochi palloni giocabili. Quei pochi cerca di sfruttarli come può, ma è attorniato da avversari che lo marcano a uomo. Difficile giocare senza appoggi.

Crespo: 5 - Esce dopo 29’ per fare posto a Paletta. Pochi minuti nei quali pesa l’errore sottoporta, errore non da lui.

Paletta (dal 29’ p.t.): 6 - Se fosse sceso in campo dall’inizio? Troppo facile giudicare con il senno di poi, ma il dubbio rimane. Non che abbia fatto una prova memorabile, ma lui si salva rispetto agli altri, soprattutto per la grinta solita. L’ultimo a mollare del suo reparto, si spinge in avanti per cercare di raddrizzare la situazione.

Giovinco: 5 - Impreciso nella prima parte della gara, ogni volta che prende palla la perde senza creare nulla di pericoloso. Più lucido nella ripresa, ma non riesce ad incidere come vorrebbe. Un passo indietro notevole rispetto alle ultime uscite. Il Parma si aspetta molto da lui.

Angelo: s.v.

Bojinov: s.v.

All. Marino: 5 - Gli episodi non dipendono da lui. Quel gol al 50’ ha tagliato le gambe alla squadra. Le scelte pesano però. Crespo per Paletta, ha tolto peso e consistenza all’attacco, Bojinov forse poteva entrare prima.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: più di 200 casi ma nessun decesso

  • Cronaca

    Vaccini anti-Covid, a Parma superata quota 50.000

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento