Parma. Paletta vede la luce, finalmente. E accelera per essere titolare a Napoli

Sembra difficile che Donadoni voglia rischiarlo in una gara così importante, ma l’argentino, dopo essersi portato dietro una tendinopatia per 77 giorni, si prepara al debutto ufficiale

D’accordo, i tempi previsti per il recupero di Paletta erano più brevi, evidentemente qualcosa deve essere andato storto. Non si può parlare della classica bruciatura delle tappe, in questo caso, si è andato troppo per le lunghe. Colpa di una tendinopatia acuta, alla coscia sinistra, peggiorata con il passare del tempo e curata all’interno del centro direzionale di Collecchio tra allenamenti a parte, sedute in palestra per il potenziamento muscolare, programmi di recupero differenziato e piscina, agli ordini di uno staff medico che ha cercato di capire i motivi di questo stop che sembrava una cosa da niente, leggera, diventato così persistente.

STOP  – Tale da fargli saltare le prime giornate di campionato, l’esordio casalingo con il Chievo e la sconfitta di Udine. La prima pausa doveva essere il momento giusto per poter riabbracciare l’argentino, ma la partita contro la Roma, del 16 settembre, non lo vede tra i convocati. Donadoni non lo vuole rischiare, ha pochi allenamenti nelle gambe e non ha recuperato appieno, tanto che il 20 settembre si ferma ancora. E si teme addirittura una lesione, sospettata dallo staff medico. Le analisi di rito la  escludono, se l’è vista brutta l’argentino che si rimette sotto e pedala come prima. Rientro lontano, forse dopo la seconda sosta, quella del 12-13 ottobre, ma contro il Verona il Parma perde e lui non c’è ancora. La condizione non è delle migliori, Paletta non si allena con la squadra e soffre per questo dolore tendino-muscolare che, dopo un po’, metà ottobre, lo costringe a un altro stop. Lontano dai campi di allenamento, Paletta si allontana pure dalla via del recupero, tanto che rimane ad allenarsi solo soletto, chiuso in palestra.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

FUORI DAL TUNNEL – L’interessamento del tendine ha preoccupato parecchio lo staff medico che ha usato ragionevolmente precauzione e il ritardo del rientro è dovuto proprio al fatto che il dolore non era solo muscolare, tanto che Paletta, per molto tempo, non è riuscito a correre. Aggregatosi l’8 novembre al resto della squadra, sembra abbia scongiurato il pericolo di possibili ricadute, e, dopo una settantina di giorni, comincia a vedere la luce infondo al tunnel. Con la Lazio è stato convocato, quasi a sorpresa, e questo la dice lunga sulla sua assenza, su quanto essa pesi e quanto conti per l’equilibrio di un gruppo appeso a lui.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Coronavirus, Parma seconda in regione per numero di casi: 21 in più

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Apre un bed and breakfast ma non comunica le generalità dei clienti alla Questura: titolare denunciata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento