ESCLUSIVA - Parma, l'agente di Cannavaro nega: "Mai avuto contatti con Leonardi"

Quelle che riguardano l'ex capitano azzurro sarebbero solo voci, "non c'è nulla di vero, io non ho avuto contatti con nessuno - spiega - e se interessasse davvero mi avrebbero già chiamato"

Cannavaro non riabbraccerà il Parma, almeno per ora. Il capitano del Napoli, messo ai margini dal suo allenatore, difficile resti all'ombra del Maschio Angioino, ma nemmeno sarà crociato, come si vociferava da un po' di tempo. "È l'unica cosa che mi sento di escludere - dice Fedele - io non ho mai avuto contatti con Leonardi, non mi ha mai chiamato, non ci siamo mai incontrati, nemmeno quando sono venuti a giocare a Napoli e, se rientrasse nei loro piani me lo avrebbero già chiesto. Il mercato è alle porte, nessuno mi ha contattato e difficilmente si muoveranno all'ultimo. Penso che qualcosa faremo, ma Parma non sarà nel nostro destino, non per qualcosa, semplicemente non rientra nei nostri piani, e noi non rientriamo nei loro piani". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

PALETTA SI SCOPRE AZZURRO - Cannavaro era uno dei nomi che il Parma aveva sondato prima dell'infortunio di Paletta che, a sua volta, era entrato nelle mire del Napoli, ma da tempo. Benitez lo riabbraccerebbe subito, lo conosce dai tempo del Liverpool e vuole aggiustare la difesa con l'oriundo. Non è semplice, il Parma chiede soldi e non è interessato a contropartite, ammesso che lasci partire il difensore, che ora più che mai è un pilastro. Ormai il suo infortunio è alle spalle, "rientrare è stato bellissimo - spiega ai microfoni di parma channel Paletta - non riuscivo più a stare fuori, mi mancava il clima partita e i miei compagni hanno fatto bene senza di me, peccato per la gara con l'Inter, potevamo vincere, ma è andata così, ormai pensiamo alla partita contro il Cagliari. Una gara particolare, molto importante, è il compleanno del Parma, vogliamo fare bene. Per la nazionale c'è tempo, io voglio giocare con l'Italia, e Prandelli lo sa. Io mi devo mettere a posto prima, voglio trovare il ritmo partita e poi prendere la miglior forma".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Pestato a sangue per aver difeso un collega: barista di Busseto in ospedale

  • Coronavirus, Parma seconda in regione per numero di casi: 21 in più

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento