menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parma 1913 - Giorgino: 'Non ho mai vinto un Campionato, è ora di farlo'

"Ho conosciuto Fabio a Matera, da lì è scattato un feeling particolare. Le nostre famiglie si frequentano fuori dal campo, abbiamo vissuto momenti belli e meno belli. Per me Lauria è come un fratello"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Davide Giorgino, il gigante del centrocampo crociato, in conferenza stampa a Collecchio racconta il legame con Fabio Lauria e della partita contro il Romagna Centro con un occhio al futuro. "Ho perso tre play off e non ho vinto nemmeno un campionato. È ora di farlo".
"Ho conosciuto Fabio a Matera, da lì è scattato un feeling particolare. Le nostre famiglie si frequentano fuori dal campo, abbiamo vissuto momenti belli e meno belli. Per me Lauria è come un fratello, sono stracontento per il gol. Ho perso tre play off e non ho vinto nemmeno un campionato. È ora di vincerlo. Questa squadra avrebbe fatto bene anche in Lega Pro, in amichevole, ok, ma nessuno ci sta a perdere. Abbiamo dimostrato di saper lottare con tutti, questa è una serie D competitiva, con due squadre retrocesse dalla C che sono nel nostro girone. La svolta c'è stata dopo l'espulsione di Agrifogli, contro una squadra che buttava la palla avanti senza salire, nemmeno con i centrocampisti. L'espulsione ha cambiato la gara, perché loro si sono ingolositi e quando siamo rimasti in dieci hanno provato a fare qualcosa di più. Siamo stati bravi a sfruttare gli spazi e poi Fabio l'ha risolta con una prodezza. Io adesso sto facendo il mediano basso, paradossalmente ho avuto anche più occasioni rispetto a quando giocavo a due a centrocampo . Domenica ho avuto una buona occasione, ho calciato subito in porta, potevo forse controllarla ma non vivo per il gol".

Sul gioco del Parma che non decolla ancora, Giorgino si difende: "In partite del genere è importante vincere. Ad esempio quando c'è tanta densità come domenica, fai fatica anche a tirare da fuori area, perché non hai il tempo di fare giocate. Io ho avuto anche la fortuna di giocare in tutti i ruoli del centrocampo, potrei fare anche la mezzala per sfruttare gli inserimenti, ma sono a disposizione del Mister. L'anno prossimo? Dai, prima la matematica, poi ci penseranno i dirigenti a fare quello che sanno. Perché dipende dalle ambizioni, da quello che vuoi costruire e da come. A fine campionato il nostro contratto scade, ci siederemo a tavolino a cose fatte perché abbiamo sette partite per poter dimostrare di meritare il Parma. Metti che poi perdiamo il campionato, qua non resta nessuno"“

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento