menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Maikol Benassi - foto D. Fornari

Maikol Benassi - foto D. Fornari

Parma, Benassi lascia ad altri il bel gioco: "Voglio vincere"

"Se giochi male e vinci è bello, più di quando giochi bene e perdi"

Maikol Benassi è sintetico: pragmatico, se vogliamo, quasi perfetto nel sintetizzare un periodo in cui il Parma forse si sta ritrovando. "Io preferisco vincere, giocare bene è bello, ma vincere lo è di più. Meglio portare a casa i tre punti giocando male che averne zero dopo 90' e aver giocato bene, come contro il Venezia": Analisi lucida, che mira al sodo senza andare a trovare discussioni filosofiche sul bel calcio, che onestamente abita altrove, anche perché di squadre che mostrano il fioretto, la Lega Pro non ne ha quasi mai sfornate. Meglio la sciabola, dice Benassi. "Stiamo lavorando bene,  i frutti poi devono vedersi alla fine, le critiche ci sono sempre anche quando vinci. Sappiamo che ogni partita è una partita a sè, sabato magari loro sono partiti aggressivi e noi volevamo fare la nostra gara. Ma non ci siamo riusciti e quello che conta è il risultato. Preferisco giocare male e vincere che giocare bene come contro il Venezia e perdere. La squadra ha una forza immensa, abbiamo ribaltato la partita e questo deve comunque possiamo ritenerci soddisfatti. Abbiamo tanti giocatori che possono fare quello che gli pare in questa categoria, ma di base dobbiamo avere tanta cattiveria e dobbiamo cercare di partire subito forte. Abbiamo poche ammonizioni? Sono situaizoni che capitano in campo, è difficile parlarne da fuori. Ti ci devi trovare, quando sei in campo pensi a tante cose. Se riesci a prendere meno ammonizioni e meno espulsioni è un bene, perché quando hai il giallo sei sempre condizionato. Poi diventa anche difficile giocare, recuperare la partita. Girone equilibrato? Abbiamo già visto che dall'inizio era difficile, le squadre di media e alta classifica sono tutte importanti, che possono però avere problemi con quelle di medio-bassa classifica. Il modulo? Secondo me sono i periodi, perché magari all'inizio soffrivamo di meno. Vedi la Juventus, magari non riesce a mantenersi costante per tutta la stagione. Ci sono periodi in cui magari stai bene davanti e fai tanti gol, mentre ci sono altri periodi in cui stai meglio dietro e ne prendi pochi. Vincere aiuta anche a lavorare bene, senza magari troppe tensioni. Noi dobbiamo affrontare tutte le partite in egual modo, con lo spirito giusto e cercando di imporre il nostro gioco, cercando di arrivare al massimo del nostro livello. A inizio stagione non possiamo essere come saremo a febbraio e i punti che faremo ora saranno importantissimi, fondamentali. Perché vogliamo arrivare all'obiettivo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento