Parma-Cagliari 1-3 LE PAGELLE | Darmian, che qualità: Gagliolo, un disastro

Il terzino ex Manchester difende, attacca e tiene fisicamente: oltre all'assist per Barillà tante cose buone mostrate nelle due fasi

Riccardo Gagliolo - foto Ansa

Dal nostro inviato
PARMA - Ecco le pagelle di Parma-Cagliari 1-3.

Sepe 6 - La prima palla che tocca è alla fine della partita, quando Nandez scodella un pallone in mezzo per la spizzata di Simeone. Poi niente. Sui tre, quattro tiri del Cagliari, subisce quattro gol, uno glielo abbona Pasqua che grazie al Var vede la manata di Joao Pedro ai danni di Gagliolo. Per il resto passa il pomeriggio a contare le conclusioni dei suoi compagni verso Olsen.

Darmian 7 - Va che è una bellezza: crea almeno tre occasioni da gol con i suoi inserimenti, l’assist per Barillà a rimorchio è di una qualità di giocata che a Parma non si vedeva da tempo. D’Aversa ha trovato un terzino vero. Bene anche quando fa il quarto nel cambio modulo.

Iacoponi 5,5 - Ferroso, pesante, efficace in certi frammenti. Combatte e si fa rispettare, ma finisce lì: per il resto da rivedere.
82’ - Sprocati sv.

Bruno Alves 5,5 - Il capitano ha lottato, ha colpito il palo, ha segnato un gol che gli è stato annullato ma ha lasciato troppo spazio ai suoi avversari. Ceppitelli ha avuto tutto lo spazio per mettersi in mostra, saltare da solo e scoprirsi goleador in un quarto d'ora.

Gagliolo 4,5 - Una giornata ‘no’ può capitare a tutti. È capitata a lui che aveva contribuito in maniera eccellente alla rimonta di Udine. Ha sulla coscienza il gol che chiude la partita quando sul pressing di Simeone si fa mangiare e perde il pallone che peserà nell’economia della partita come un macigno. Proprio mentre il Parma le stava provando tutte per rimettersi in piedi.

Hernani 6 - Primo porzione dinamica e fisica, detta i tempi e si fa rispettare, nel secondo - complice un po’ di fiacca - resta sulle sue senza prendere per mano la squadra come nel primo. Nel complesso positivo, ma se tirasse in maniera più convinta...

Brugman 5,5 - Accorcia tardi su Ceppitelli nel primo gol, disorientato con tutto il reparto dal rimpallo, resta accorto ma non ha il guizzo per cambiare passo e registro alle sue giocate e alla partita. Timido, si limita al compitino. Castro e Cigarini lo seguono e ne bloccano lo sviluppo, lui è morbido sul play.

73’ Pezzella 5 - Entra per fare il quarto a sinistra, spinge poco, il Cagliari si chiude e serra gli spazi.

Barillà 6 - Ultimo a mollare, come spesso accade, ci mette lo zampino ma non basta per evitare la sconfitta. Il gol è un premio alla sua partita, purtroppo non a quella del Parma che si spende e meritava altra sorte. Ingenuo nell'episodio del fallo dal quale scaturisce la punizione del secondo gol, poco preciso sottoporta quando sullo 0-0 ha la palla giusta per sbloccare.

Kulusevski 7 - Costringe D’Aversa a rivedere i piani: il tecnico pensava a Sprocati e Pezzella per cambiare modulo e dare freschezza al reparto offensivo sul 2-0, ma lo svedese è stato protagonista nei primi minuti del secondo tempo risultando decisivo anche nella costruzione delle palle gol. Giocatore pieno di numeri, deve maturare ma si farà. 

Inglese 4,5 - Mai pericoloso, stretto nella morsa di Ceppitelli e Pisacane, l’ex Chievo non ha toccato palla. Poche sponde, qualche tiraccio, tanta fatica e la sostituzione con Cornelius.

73’ Cornelius 5,5 - Messo lì come pilone e punto di riferimento, fa più di Inglese, si guadagna il rigore che il Var non ha concesso.

Gervinho 5 - In ombra, la freccia nera non entra in partita e se lo fa ne esce alla svelta. Giornata no, si perde tra controlli infelici e scelte sbagliate, si fa parare il 2-2 dimostrando scarsa lucidità.

D’Aversa 5,5 - Paga le disattenzioni di un reparto sul quale aveva costruito la salvezza nel girone di andata dello scorso anno. Alla terza partita c’è l’alibi dei meccanismi che devono essere oliati, ma non sembra una questione del genere, sembra più una mancanza di attenzione che determina la scelta di certi interventi. Non è neanche fortunatissimo, comanda il gioco ma non vince. Saranno contenti gli appassionati dei numeri, ma provate a dirgli che ha tirato 15 volte in porta e che ha avuto una maggiore percentuale di possesso palla. Punti zero, questo è.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aeroporto, gli industriali ci mettono 8.5 milioni di euro: ecco i nuovi voli

  • "La Pianura Padana è una camera a gas"

  • Trova una ladra in camera da letto, la blocca e la fa arrestare: 26enne serba in carcere

  • Fontanellato: 40enne morsa al polpaccio da una nutria

  • Maxi blitz di polizia, carabinieri e finanza: città al setaccio

  • Piazzale Picelli, 46enne morto dopo lo scontro con una bici: ciclista nigeriano accusato di omicidio stradale

Torna su
ParmaToday è in caricamento