menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'Ad Leonardi risponde presente... - foto Parmatoday.it

L'Ad Leonardi risponde presente... - foto Parmatoday.it

Parma | Si svuota l'infermeria, Leonardi parla alla squadra per rassicurarla

Il Cagliari incombe, crocevia di una stagione che si snoda forse troppo presto. Ghirardi, impegnato con la cessione della società, lascia la palla all'Ad, che avrebbe riferito al gruppo il closing avvenuto con successo tra la vecchia e la nuova proprietà

Piano piano, l'infermeria si svuota e lascia soli, per fortuna, Cassani, Coda e Ghezzal, assieme al lungodegente Biabiany che ha un problema molto più grave di una distorsione o un mal di schiena. Donadoni però può cominciare a sorridere, perché riavrà Mirante a pieno ritmo, Jorquera e forse Paletta. Sì, il difensore italo-argentino si è allenato tutta la settimana con il gruppo e mercoledì ha provato a fare il titolare con Lucarelli e Felipe, come ai vecchi tempi. Il tecnico ha qualche dubbio, legato ancora alla condizione fisica perché il problema alla schiena è stato assai dannoso e i recuperi, in questi casi, vanno per le lunghe. Nemmeno lo staff medico del Parma aveva ipotizzato l'ipotesi di riaverlo in questo periodo, almeno di rivederlo correre con il resto del gruppo. Non ha ancora il ritmo partita, ma schierarlo dall'inizio beh, sarebbe un messaggio forte per gli avversari, i ragazzi di Zeman che senza Sau infortunato e Ibarbo, squalificato, dovranno vedersela con un tipo bello tosto. Nel 3-5-2 di Donadoni, che forse potrebbe diventare all'occorrenza un 4-3-3, con un ipotesi di difesa a quattro dovuta allo spiegamento di forze offensive del boemo, si potrebbe rivedere uno tra Rispoli e Ristovski. Sulla destra, a seconda dello schieramento, si potrebbe rivedere anche Jorquera. Il recupero del cileno mette nella testa del tecnico l'idea del doppio regista, una soluzione che non pare supportata dalla squadra. Perché se gioca Jorquera, uno di gamba tra Acquah e Mauri, o Galloppa, potrebbe rimanere fuori. Donadoni ha l'imbarazzo della scelta in mediana, mentre in avanti le scelte sono forzate: sia da Belfodil, che non garantisce quello che vuole il tecnico, sia perché Palladino ha fatto bene, ha fatto gol per la seconda volta consecutiva e si candida con forza alla maglia da titolare.

La sconfitta, sarebbe la tredicesima per il Parma, non dovrebbe costare nulla a Donadoni, forse. Cominciare con il piede sbagliato la nuova era sarebbe pericoloso. Sia per gli equilibri di classifica, sia dal punto di vista psicologico. Perché i giocatori, che non avrebbero gradito questo tentennamento dei russi-ciprioti nel firmare subito, avrebbero chiesto dei chiarimenti. Leonardi li avrebbe accontentati, mettendoci per l'ennesima volta la faccia e dicendo che sarebbe tutto pronto per il passaggio epocale. E' tutto fatto, tutto sistemato. Il Parma ha un nuovo proprietario, e presto sarà svelato anche ai calciatori. lo avrebbe detti nella mattinata di venerdì, in attesa di martedì, termine utile per la transizione dei capitali e dei documenti da girare nelle casse del Parma e da conservare negli archivi legali. Tranquillizzati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento