menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Roberto D'Aversa - foto Ansa

Roberto D'Aversa - foto Ansa

Parma, D'Aversa chiude a Cassano: "Non è un nostro obiettivo"

Dopo la sconfitta con la Samp (3-1), il tecnico crociato parla di mercato. "La società sa quello che ci vuole. Lui resta un grande giocatore ma non è nelle nostre mire"

Dal nostro inviato

TRENTO - Roberto D'Aversa assaggia quanto è dura la Serie A: del calcio di luglio, che conta fino a un certo punto, ci si dimentica in fretta - per fortuna -, lo dice anche Giampaolo che ha vinto .la sfida per 3-1 ricordando un precedente che riguarda la sua avventura nel corso della scorsa stagione, quando i blucerchiati persero contro l'Hellas ('spero di non fare la fine dell'Hellas - dice il tecnico nato a Bellinzona - e che il Parma faccia il campionato che abbiamo fatto noi l'anno scorso ndc'). "C'è bisogno di alzare il livello della qualità - spiega D'Aversa - se si considera che c'è ancora gente che ha fatto la Serie D e che la società nel suo percorso di crescita è stata bravissima ad arrivare nel più breve tempo possibile dove sta. Fino a una settimana fa non eravamo neanche certi di partecipare al campionato di A, questo ci ha rallentato un attimo nelle trattative, ma c'è tempo e la società, con il ds, sanno cosa serve. Cassano e Balotelli? Non è un obiettivo né della società, né del ds né dell'allenatore. Pur se rimane un grande giocatore". Il concetto espresso dal tecnico crociato è chiaro. "Speriamo che ci tolgano ancora qualche punto nel ricorso, le difficoltà sul mercato sono dovute anche a queste situazioni. Il direttore si sta comportando bene. C'è una società che dà un budget, un allenatore che dà delle direttive tecniche. Tocca al direttore sportivo poi cercare di centrare gli acquisti per mantenere la categoria. Serve aggiungere della qualità, normale, non c'era bisogno della partita di oggi per certificare questo. Quando si sale di livello, sia di qualità che di fisicità non ti permette di sbagliare. Contro un avversario forte che gioca bene e sta insieme da tempo era normale. Abbiamo subito gol da due situazioni da cross, sul piano della costruzione ci siamo ben comportati ma è chiaro che contro squadre più forti ci vuole maggiore attenzione e qualità che possono arrivare sia con il lavoro che con giocatori di spessore".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento