menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Cristian Rodrigu

Cristian Rodrigu

Parma | Rodriguez in sede: l'intenzione è quella di lasciare il club subito

Avventura al capolinea per El Cebolla che, nella giornata di mercoledì, dopo l'allenamento, è rientrato a Collecchio per parlare con la società. L'uruguaiano va in Brasile per giocare, con l'obiettivo di andare in Coppa America. C'è il Gremio

Cristian Rodriguez sta per salutare. Chissà se si è pentito della scelta, forse no, lui è uno di cuore, che in campo da tutto e che era venuto a Parma per giocarsi le sue carte, per salvare la squadra, ultima in classifica, e per andare in Coppa America, per strappare un pass a Tabarez che lo stima e con il quale ha un rapporto eccellente. Rodriguez non ha segnato, ci è andato vicino, ma la sua classe e la sua personalità sono emerse subito. Giocatore di un livello superiore alla media, El Cebolla al Parma ci stava benissimo. Peccato che da un po' di tempo non calca il campo da gioco e non vive l'adrenalina della partita vera, lui che è un lottatore di gran lena e che non si risparmia mai. E mai avrebbe potuto immaginare una situazione del genere, caratterizzata da guai societari e disastri di natura finanziaria. Aveva scelto il gialloblù per giocarsi le sue carte in vista della Coppa America, lui che ne è anche il detentore, con il suo Uruguay. Credeva pure alla possibilità di salvare il Parma, ha creduto prima in Taci che lo ha preso in prestito dall'Atletico di Madrid, credeva in Manenti. Già, credeva perché alle parole non è seguito nessun fatto, la possibilità di finire il campionato sul campo non c'è. Lucarelli e compagni chiedono un sostegno che non sia solo di oggi ma che possa guardare anche a un domani, che per lo meno garantisca un domani. Ebbene, questo sostegno non è arrivato da nessuna parte. La squadra non gioca e lui, non per un discorso economico, avrebbe deciso di lasciare il Parma. Ha tempo fino al 31 marzo per andare in Brasile, con il Gremio che pressa e che lo aspetta. Fitti infatti i contatti tra la società brasiliana e l'entourage di Cristian Rodriguez, che ha dato anche il suo assenso a trasferirsi immediatamente. El Cebolla ancora incredulo per questa situazione che si è venuta a creare molto prima del suo arrivo, esplosa in maniera incontrollata da ormai un mese e mezzo, ha detto basta. E non è da tralasciare l'altro scenario che gli si apre di fronte, quello degli Stati Uniti. Un'esperienza nella Mls non dispiacerebbe all'uruguaiano: nel nuovo mondo c'è tempo fino al 15 aprile. 

Ma forse non si dovrà nemmeno arrivare a quella data. Rodriguez, che a Parma sta benissimo, potrebbe decidere di fare le valige già ora e andarsene. Anche la gara con l'Atalanta è in forte dubbio, il suo rapporto con Tabarez, tecnico della Celeste è ottimo, ma se non gioca, rischia il posto. La convocazione per il prestigioso torneo dipende dal campo. E siccome al Parma il campo tace, non parla da più o meno un mese, (dal 15 febbraio, dallo 0-0- con la Roma all'Olimpico), El Cebolla sta pensando di accelerare le pratiche per salutare. Dopo l'allenamento di mercoledì mattina, l'esterno è rientrato in sede per poter incontrare qualcuno della società e comunicargli di accelerare le pratiche per il divorzio. Ebbene, i pochi rappresentanti rimasti avrebbero dato l'ok, ora bisogna aspettare la parola di Manenti, presidente del club. Intanto c'è il Gremio, che lo aspetta. E lui, deluso, sta per lasciare il Parma. E giorno dopo giorno il Parma perde pezzi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Riesplodono i contagi: 164 nuovi casi e 2 morti

  • Cronaca

    Pizzarotti: "Contagi a rimbalzo: dobbiamo tenere duro così"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento