Il mercato del Parma nel segno dell'attesa. E Gervinho...

Serve un terzino sinistro e un centrale di difesa. E D'Aversa spera che l'ivorino resti

Il presidente Pietro Pizzarotti e il direttore sportivo Daniele Faggiano - foto parmacalcio1913.com

L’immobilismo del Parma sul mercato è solo apparente. Naturale che dopo una grande rincorsa ci possa essere un periodo in cui Daniele Faggiano prenda fiato. Magari rallenta ma non ha certo smesso di correre per garantire a Roberto D’Aversa un appoggio concreto. Il tecnico, uno dei pochi in Serie A ad avere la squadra quasi al completo a tre settimane dall’inizio del campionato, è concentrato per ora a dosare i carichi di lavoro negli allenamenti, a impartire nozioni tecnico-tattiche più concrete, pur evitando di creare confusione nella testa dei suoi ragazzi che si sono messi a disposizione del tecnico da subito.

Proprio il tecnico, dopo la partita persa con il Burnley per 2-0 in Inghilterra, ha detto senza troppi giri di parole che serve ancora qualcosina in difesa. Non ha indicato i ruoli, ma ha chiaramente parlato di ‘problema numerico’ da risolvere. Soprattutto sulla fascia sinistra - diciamo noi -, dove ad oggi non c’è un terzino di ruolo. Dopo il saluto di Gobbi, con Dimarco tornato alla casa madre, D’Aversa si trova ad avere a che fare con il solo Gagliolo a garantirgli quello che chiede. L’ha fatto per buona parte dell’annata precedente, con risultati discreti, ma per ora è troppo poco pensare di affrontare un campionato intero solo con lui in quella zona di campo e/o Barillà, adattato anche lui e con buoni risultati.

I contatti per Pezzella, bloccato da tempo, proseguono, ma la situazione sembra non si sblocchi facilmente. La sensazione è che il Parma abbia in tasca il sì del giocatore e tanto basta per far vivere serenamente Faggiano che aspetta una mossa dall’Udinese, avendo raggiunto l'accordo con l’ex terzino del Palermo che conosce benissimo il direttore. Una strategia nel segno dell’attesa dunque, la stessa che riguarda il centrale di difesa, l’altro tassello che manca nel gioco delle coppie di D’Aversa. I contatti con il Napoli per Tonelli proseguono, potrebbe essere lui il nome giusto ma sarebbe una mossa da piazzare eventualmente più a fine mercato. Si tende ad aspettare l'occasione, il classico big che uscirà dalle liste.

La concorrenza per l’ex Empoli è alta e il Parma non può permettersi di gareggiare sborsando i sette milioni di euro reclamati dal Napoli. Ci vorrà del tempo per smussare gli angoli e ridurre le richieste di un club con cui Faggiano ha lavorato per costruire un ottimo rapporto. Sul fronte esterno offensivo molto dipende da Gervinho, l’unico che potenzialmente potrebbe avere qualche richiesta. D’Aversa avrebbe chiesto garanzie per poterlo trattenere, la società gliele avrebbe date cercando di accontentare il giocatore che dovrebbe avere un ritocco dell’ingaggio. Ma il mercato è lungo e non sono da escludere colpi di scena.  

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morta la 38enne di Fontanellato colpita da un malore in acqua

  • Tragedia a Varano: 39enne muore schiacchiato dalla ruspa che stava conducendo

  • Annaffia i fiori e l'acqua finisce sul balcone di sotto: 53enne aggredisce il vicino con un grosso machete

  • Abusi sessuali nei confronti di un bambino di 11 anni: arrestato 37enne

  • La parmigiana Erica Talco torna a 'Uomini e donne'

  • Roccabianca: scoperte due concessionarie abusive di auto

Torna su
ParmaToday è in caricamento