rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Sport

Parma | La crociata di Lucarelli (il sindacalista) porta conquiste: il Consiglio Federale approva le norme

Il commento del capitano dopo l'esito dell'assemblea: "La prima battaglia è vinta!!!!" scrive sul suo profilo Instagram. Tavecchio e soci hanno detto sì alla revisione delle regole e all'introduzione di norme severe per chi acquista le società

La prima battaglia è vinta!!!! Così Alessandro Lucarelli sul suo profilo Insagram, per attestare che dal Consiglio Federale arrivano buone, ottime notizie: tutto ciò che il Parma, nell'incontro di lunedì con il presidente Tavecchio aveva richiesto, è stato approvato. Il calcio italiano, verosimilmente, ripartirà da concetti importanti: l’onorabilità delle persone che compongono il sistema e la loro solvibilità finanziaria. Infatti, dal 1° luglio, per poter acquistare una quota azionaria di una società di calcio superiore al 10%, bisognerà dimostrare di essere in possesso di specifici requisiti di onorabilità: "reati puniti con pena edittale massima superiore ai 5 anni per i reati di cui alle legge 401/1989 ed alla legge 376/2000, per i reati di truffa ed appropriazione indebita e opportuna verifica antimafia previo accordo di collaborazione tra Federazione e Ministero dell’Interno". pizzarotti-tavecchio-beretta-2

Servirà anche il "riconoscimento di almeno un istituto di credito di primaria importanza nazionale e/o estera che ne attesti la solvibilità rispetto agli impegni assunti e la liceità della provenienza delle risorse finanziarie". La Figc, inoltre, ha varato delle norme che puntano a costituire un piano triennale di riequilibrio dell’intero sistema. L’intenzione è quella di creare un Fair Play italiano, introducendo un indicatore di liquidità, "misurare il grado di equilibrio finanziario di breve termine, cioè la capacità dei Club di far fronte agli impegni finanziari con scadenza entro 12 mesi". Le società dovranno quindi dimostrare di avere i fondi necessari per poter terminare la stagione. Verrà introdotto anche un indicatore di indebitamento in rapporto al valore della produzione, oltre ad un indicatore di costo del lavoro allargato, "finalizzato a misurare il peso economico del costo del lavoro attraverso il rapporto tra il Costo del Lavoro Allargato (CLA) ed i Ricavi (R). e con l’obbligo entro il 2018 di poter arrivare al pareggio finanziario". Per le Leghe (di Serie A, di B e di Lega Pro) ora c’è tempo fino al 30 maggio per inserire queste norme nei propri regolamenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parma | La crociata di Lucarelli (il sindacalista) porta conquiste: il Consiglio Federale approva le norme

ParmaToday è in caricamento