menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parma | Marani: "Nessun veto in merito alla concessione del Tardini"

L'assessore: "La posizione è di orientamento favorevole verso il gruppo Parma Calcio 1913, poiché da più tempo prepara il progetto per la serie D, propone un modello diverso, per certi versi nuovo, più tutelante in prospettiva rispetto al “presidentissimo”, in sostanza migliore sul piano sportivo, societario e sociale"

"Sono stato citato dal signor Giovanni Corrado -si legge in una nota dell'Assessore allo Sport Giovanni Marani- durante la conferenza stampa di oggi. Da parte dei capigruppo del consiglio comunale che si sono pronunciati sulla vicenda non è stato espresso nessun veto in merito alla concessione dello Stadio Tardini. La posizione è di orientamento favorevole verso il gruppo Parma Calcio 1913, poiché da più tempo prepara il progetto per la serie D, propone un modello diverso, per certi versi nuovo, più tutelante in prospettiva rispetto al “presidentissimo”, in sostanza migliore sul piano sportivo, societario e sociale. Non ho ricevuto pressioni né dal mondo politico, né dai Parma clubs, né dai soggetti interessati a tutti i livelli. Ho invece ricevuto, su mia richiesta, pareri e consigli. La maggior parte allineati su un unico soggetto. 

Nel video riportato su alcuni quotidiani on line il primo passaggio non è chiaro, quindi lo puntualizzo.  Sono stato invitato a casa del signor Giovanni Corrado, alle 16, ed era da solo. Dopo aver fatto 45 minuti di anticamera nell’attesa terminasse una telefonata (il Capitano Lucarelli, non era né presente né dall’altra parte della cornetta, come si va sostenendo), abbiamo parlato a lungo e la frase riportata, non ho nessun problema ad ammetterlo, è parzialmente corretta: fa riferimento ad un passaggio della conversazione in cui, parlando a titolo personale, in un contesto del tutto informale, ho sostenuto che oggettivamente andare contro l’orientamento dei Capigruppo del Consiglio Comunale (compreso quindi il mio capogruppo di riferimento), sarebbe stato come sbattere contro un muro ai 300 all’ora. Ho effettivamente detto che essermi confrontato con lui il giorno prima mi ha spinto a richiedere un parere ricognitivo che probabilmente prima non avrei richiesto.

Il passaggio successivo è parziale, infatti alla precisa richiesta di sostenere con due lettere entrambi i progetti , ho risposto che sarebbe stato assolutamente poco serio e istituzionalmente deprecabile. Non gli è stato negato il Tardini, che può essere concesso a chi ne fa richiesta, semplicemente non scriveremo due lettere di sostegno. Sono andato a casa del signor Corrado nel rispetto del suo impegno e della sua famiglia, con l’intento di riportargli a voce una decisione che sarebbe stato inelegante e inopportuno apprendesse a mezzo stampa o, peggio, per vie traverse. Il fatto che solo alla data del 26 giugno abbia avuto l’attenzione di voler presentare all’amministrazione un progetto e la modalità con cui viene riportato e messo in piazza un colloquio privato, mi conforta nell’aver fatto la cosa giusta per il futuro Parma e per la città. Ai tifosi che lo sostengono auguro di ricevere trattamento migliore. Giovanni Marani, Assessore allo Sport del Comune di Parma

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 176 casi e un decesso

  • Cronaca

    Ritrovato il corpo di Andrea Diobelli

  • Cronaca

    Montagna stregata: altra vittima sul Marmagna

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento