menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parma | Mercoledì i curatori incontreranno i calciatori, disposti a una riduzione del 70%

Anedda e Guiotto, molto probabilmente assieme ad Albertini, incontreranno i tesserati per proporgli ufficialmente il loro progetto sull'abbattimento del debito. Creditori disposti ad accettare purché si salvi la società

In attesa di conoscere la sorte di Eventi Sportivi, la cui udienza fallimentare è prevista martedì 21 aprile presso il Tribunale di Parma, i curatori fallimentari stanno lavorando alacremente per ridurre al massimo questo benedetto debito sportivo, affinché l'esercizio provvisorio possa continuare e il Parma possa portare a termine una stagione da dimenticare al più presto. Il pareggio di Empoli ha certificato che la squadra ha voglia di andare avanti e di accettare qualsiasi proposta da parte di Anedda e Guiotto purché la società abbia un futuro e sia appetibile per un eventuale compratore che, ancora, non si è palesato. Come comprensibile, dato che ancora si fatica a ragionare in ottica futura, perché neanche l'esercizio provvisorio, che doveva essere una formalità, è stato garantito. Pertanto, nella giornata di mercoledì, i curatori probabilmente cominceranno a parlare in maniera diretta ai calciatori, cercando di comunicare loro il progetto di abbattimento del debito sportivo: i giocatori sono disposti ad arrivare anche al 70%, purché questa società viva e abbia un futuro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 176 casi e un decesso

  • Cronaca

    Ritrovato il corpo di Andrea Diobelli

  • Cronaca

    Montagna stregata: altra vittima sul Marmagna

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento