Parma | La fiducia a tempo di Donadoni, con l'ombra di Crespo e Del Neri

Ghirardi lo conferma, ma sa anche lui che tutto è legato ai risultati. Niente ribaltoni fino alla prossima sosta ma Inter e Juventus saranno fondamentali per le decisioni presidenziali

Si lavora lontano da occhi indiscreti. I segreti di Donadoni sono nascosti a Collecchio, centro sportivo blindato da martedì per preparare una delle sfide più delicate della stagione. Visto il momento non si può nemmeno dire di essere alla ottava giornata, in cui di solito di decisivo non c'è nulla o quasi. Il parma ha un disperato bisogno di vincere,  di svoltare e uscire dalla fossa che si è scavato  on le sue stesse mani. Per via di un mercato senza soldi e di una mancanza grave, quella presidenziale proprio nei mesi cruciali delle trattative.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Persa l'Europa, Donadoni se è trovato anche senza capo, Ghirardi se ne era andato e Leonardi ha dovuto fare tutto da solo. I risultati, derivati anche da un inizio di campionato difficile, sono ultimo posto in classifica, 3 punti e 6 sconfitte con 17 gol. Mai così male. Eppure, il tecnico non rischia nulla. Almeno fino alla prossima sosta. Quando, senza la sicurezza dei risultati, ove mai non arrivassero,  ghirardi dovrà prendere una decisione. Perché andare avanti così vorrebbe dire perdere la categoria e allora si che sarebbero problemi seri. Ben piu di un ultimo posto. Il calendario non aiuta il tecnico, Sassuolo e Inter al Tardini poi due volte a Torino contro i granata e la juventus. Tre gare in otto giorni possono risultare difficile da gestire,  visto il momento è gli infortuni che aumentano. Ghirardi è con Donadoni ma fino a quando? Se le cose non girano, l'ultimo appello sarà la.sosta di metà novembre. Se la situazione dovesse essere la stessa di ora, beh un cambio di timoniere potrebbe essere necessario. Crespo la decisione più razionale, Del neri quella del cuore dato che lo cerca da un po e che prima di Donadoni era stato contattato. Vediamo cosa succede, intanto ai lavora lontano da occhi indiscreti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Coronavirus, Parma seconda in regione per numero di casi: 21 in più

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Apre un bed and breakfast ma non comunica le generalità dei clienti alla Questura: titolare denunciata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento