menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fabio Liverani - foto Ansa

Fabio Liverani - foto Ansa

L'applauso della curva, poi pugni chiusi e braccia larghe: ecco la prima di Liverani

Il tecnico a bordo campo ha guidato i suoi: sempre in piedi, con il suo vice Coppola al fianco

La prima di Fabio Liverani al Tardini va in archivio. In calzoncini e maglietta, i 28 gradi di Parma hanno aiutato parecchio nella scelta dell’abbigliamento. L’ha giocata anche lui, per un sanguigno come Liverani non è certo una novità. Avrà notato che in mezzo al campo un po’ di quella che è stata la sua sapienza calcistica è venuta meno, ma non è questo il tempo di rammaricarsene. Lo sa bene il tecnico romano accolto dal saluto del migliaio di tifosi che ha preso d’assalto il Tardini con la voglia di riabbracciare – a distanza – i propri idoli. Non succedeva dal 9 febbraio, giorno di Parma-Lazio, finita tra le polemiche dopo una sconfitta discutibile. Il lockdown ha fatto il resto e dopo sette mesi Parma ha riabbracciato i suoi tifosi.

E passi la sconfitta, che Liverani non ha certo digerito. Uno scrupoloso come lui, seppure in rodaggio, sa bene dove bisogna migliorare: nel possesso e nello scarico, nella gestione del pallone e nella fase difensiva. “Dove giocano, raddoppiamo”, dice Liverani da bordo campo. Pronto a chiamare il pallone nella zona di campo libera da uomini avversari, invoca l’ampiezza per servire gli esterni, li accompagna e li guida. “Gaston, veloce. Muovi prima. Due tocchi e proponiti”, dice a Brugman. Concetto che ribadisce poi a Pezzella, colpevole di aver tardato il servizio per Gervinho nel gioco di catena. “Sta scappando, Beppe. Prima”, ha detto al terzino. “Giochiamola in avanti”, riferito a tutti i suoi centrocampisti. E a maggior ragione quando in campo ci sono due punte, Artistico e Inglese, divenuto capitano dopo l’uscita di Alves e Gervinho. “Con due punte, giochiamo in avanti per favore”.

PARMACITY111_2020090716382096-3

Pugni stretti, braccia larghe soprattutto quando i suoi non riescono a fare i movimenti provati in allenamento. Stizza raccolta a denti stretti. Gambe pesanti, carichi di lavoro che si fanno sentire e pensiero che arriva due secondi dopo. Tutto calcolato, ma quanto disappunto. Soprattutto quando i suoi offrono campo per le imbucate. Poca l’intesa, c’è da lavorare e Liverani si fa sentire: “Tutte e due alti no”, dice ai difensori centrali. Bastone e carota, per Jacopo Dezi: “Va bene, va bene dai”, dice al centrocampista dopo un buon tentativo sulla destra. La sua palla a rimorchio non è stata accolta da nessuno, ma a Liverani – se giochi – piace.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zone rosse e arancioni per altri due mesi: Parma a rischio

Attualità

E' morto Rocco Caccavari: il ricordo di Lenz Fondazione

Attualità

Crisi di Governo, Pizzarotti: "Serve stabilità: ecco la mia ricetta"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento