rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Sport

Parma, Scala torna a parlare: "Delusione e rammarico: proprietà senza pazienza"

"Il modo in cui è maturata la decisione è stata inaccettabile. Faremo comunque il tifo per questo Parma"

"E'  stato bello credere in un progetto a lungo termine, di un calcio che si nutre di valori altri. Peccato". Nevio Scala a Radio 1, durante la trasmissione "Anch'io lo sport" è tornato a parlare di Parma: "L'anno scorso non abbiamo mai perso, diecimila e cinquecento abbonati è un risultato importante. La squadra non dava prestazione di altissimo livello ma eravamo a quattro punti dalla vetta.  La proprietà ha deciso di esonerare l'allenatore che è stata una mia scelta, senza nemmeno consultarmi. E questo non mi ha permesso di continuare nel mio ruolo perché io sono il Presidente. Avete esonerato delle persone che ho scelto io, ho detto, e non posso andare avanti. Questa è la cosa che più ci ha meravigliati. Abbiamo fatto dichiarazioni, coinvolto la gente e l'abbiamo convinta che si può fare un calcio trasparente senza i risultati immediati. Ma io mi domando il motivo e il perché di questa scelta. Perché si è arrivati a questa decisione? Speravamo in un calcio che si nutrisse di valori diversi, sono deluso e amareggiato. Non riesco a spiegarmelo. E' stato bello sognare, questo era un progetto condiviso. Nel mio Parma, nell' '89/'90 ho raccimolato sei sconfitte consecutive, ma mi sono guadagnato il rinnovo e poi la serie A. Si è chiusa una stagione adesso e credo che il modo in cui è nata questa decisione sia inaccettabile. Siamo sereni perché abbiamo lavorato con grande applicazione, senza perdere una partita l'anno scorso. Due mesi e mezzo con qualche difficoltà, ci possono stare. Può darsi che abbiamo commesso anche qualche errore, ci sta, ma c'era voglia, entusiasmo. Il silenzio dei magnifici sette che hanno elaborato  e condiviso questo progetto con me è la cosa che mi ha meravigliato di più. Soltanto uno mi ha esternato la sua disapprovazione. Il gruppo che io ho scelto ha dato il via a un entusiasmo che si toccava con mano. La proprietà ha il diritto di decidere su tutte le cose. Ma anche quello di coinvolgere il presidente". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parma, Scala torna a parlare: "Delusione e rammarico: proprietà senza pazienza"

ParmaToday è in caricamento