menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Enrico Chiesa con la maglia del Parma, foto da web

Enrico Chiesa con la maglia del Parma, foto da web

ESCLUSIVA – Parma, senti Chiesa: “Ora hai l’occasione per tornare il Europa”

"Niente paragoni con la nostra squadra, tempi diversi. Posso solo dire che Donadoni sta facendo un lavoro straordinario e che l'Europa League è a portata di mano. La squadra sta bene e ha trovato una certa continuità"

Pagato 25 milioni delle vecchie lire, prelevato dalla Sampdoria nel ’96, con Hernan Crespo ha formato una coppia di attaccanti dai numeri pazzeschi. Enrico Chiesa era il bomber gentile, un tipo elegante che in tre stagioni in crociato è riuscito ad affermarsi come il miglior marcatore del Parma nelle coppe Europee, con 16 gol. E tante vittorie. Ora fa l’allenatore della Sampdoria, allena i ragazzi della Primavera, “è difficile stare dietro a dei ragazzi della loro età – spiega – cerco di impartirgli i valori e le cose positive del fare sport”. Cose che lui ha vissuto da calciatore. Dopo il Parma, ha scritto storie di calcio bellissime con la Fiorentina, prossima avversaria dei crociati, in una gara dal sapore europeo. “Sarà una bella partita, ne sono sicuro, la Fiorentina gioca in coppa e di solito le squadre che disputano il turno infrasettimanale sono più stanche sulla carta. Sicuramente Montella cambierà qualche giocatore, ha una rosa importante ma sa di dover affrontare una squadra che gioca bene, che mi ha stupito e che è diventata assieme al Verona e al Torino, la rivelazione del campionato. Una squadra che ha trovato un assetto importante, che non perde da 12 partite, allenata da un allenatore capace che ha alle spalle una società sana e seria. Questa che sta vivendo il Parma è una stagione importantissima, ha un’occasione unica per giocarsi l’accesso all’Europa, ha una squadra equilibrata e che riesce ad esprimersi in vari moduli, segno di crescita, anche dal punto di vista della mentalità. Certe partite come quella con il Catania, potevano andare di traverso, altri anni magari sarebbero state dei punti persi, ma quando non vince riesce pareggiare e questo è un segno che anche la mentalità ha fatto dei passi in avanti”. Passi in avanti, da quando è sbarcato a Parma, ne ha fatti anche Cassano, “un giocatore straordinario, ma che da solo non può fare nulla. Lui esalta la squadra, ma la squadra lavora per lui. E’ il gruppo che conta, anche se lui ha una tecnica eccellente. Il Parma lo ha gestito bene, e con lui ha saputo gestire tutta la squadra, ha cercato giocatori importanti e ha raggiunto l’obiettivo della salvezza subito, ora può dedicarsi alla caccia dell’Europa. Ha tutte le carte in tavola per raggiungere l’obiettivo, ha i calciatori giusti e un’ottima organizzazione societaria, non vedo perché non potrebbe diventare la sesta forza del nostro campionato. Ha costruito un percorso valido, passo dopo passo, ha fatto crescere i giocatori con pazienza e ora si trova nella giusta posizione di classifica. Ha tutte le carte in regola per vincere”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: scuole di Parma e provincia vicino al rischio chiusura

  • Cronaca

    Covid: a Parma quasi 46 mila vaccinazioni

  • Cronaca

    Parma rischia di finire in zona rossa

  • Cronaca

    Firmato il Dpcm: tutte le restrizioni fino a Pasqua

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento