menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Roberto D'Aversa - foto Ansa

Roberto D'Aversa - foto Ansa

Vigilia contro il Frosinone, D'Aversa: "Crocevia, c'è bisogno del nostro pubblico"

Il tecnico chiama a raccolta i tifosi: "Dobbiamo vincere a tutti i costi. Inglese e Grassi non saranno titolari"

Dal nostro inviato 

COLLECCHIO - "Domani sarà il crocevia della nostra stagione. Bisogna portare a casa il risultato a tutti i costi". Non usa giri di parole Roberto D'Aversa, sapendo che quella di domenica è un'occasione irripetibile per allungare sulle altre concorrenti che lottano per lo stesso obiettivo del Parma. "Sinceramente quello a cui sto pensando adesso è la partita di domenica - dice il tecnico crociato -. Ho visto l'Empoli ma guardo a casa mia. Loro portano avanti una filosofia di gioco da anni. Il Napoli è una squadra molto forte, quando noi abbiamo perso siamo usciti dal San Paolo con qualche critica eccessiva. Però questo è il passato: quello che interessa adesso è che affronteremo una squadra che si sta ritrovando. Campbell e Ciano alle spalle di Ciofani ha permesso alla squadra di avere una quadratura. A livello mentale stanno bene, i punti per noi valgono doppi, se portiamo a casa un risultato positivo vuol dire che facciamo un grande passo verso l'obiettivo. Faremo di tutto per portare a casa un risultato positivo, cercando di non sprecare le energie già da oggi. Le difficoltà purtroppo ci sono, gli infortuni ci perseguitano dall'anno scorso. Spostare il pensiero sulla situazione degli infortunati non è produttivo. Detto che per una botta a un polpaccio non puoi stare fermo due mesi. E' successo a Grassi, ce lo teniamo. Infortuni muscolari ce ne sono stati due, Gazzola e Gervinho. Con il Frosinone Grassi verrà in panchina, anche Inglese. In settimana hanno fatto un lavoro continuo di allenamenti, Grassi ha fatto una mezzoretta nella partita in famiglia. Inglese meno, ma già il fatto di averlo a disposizione è importante. Domani è il crocevia più importante per la nostra stagione. La forza della panchina? Un allenatore vorrebbe sempre che chi entra faccia benissimo. Non è semplice, ma c'è da considerare tutto. Non possiamo pensare che le partite si perdono perché chi entra non dà il giusto contributo. Non è facile ribaltare un risultato in poco tempo. Gagliolo? Con la Lazio era stato il migliore in campo, un'ingenuità ci sta. Io preferisco giocatori di personalità, credo che non si farà condizionare dalle ultime prestazioni. Ho letto molte cose negative in settimana, domani c'è bisogno di positività. Di Gaudio? Può essere utile a gara in corsa, le sue qualità sono importanti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Attualità

Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus, aumentano i positivi: sono 130

  • Cronaca

    Ristoranti: ecco tutte le regole per la riapertura

  • Cronaca

    Ferito da un tronco, grave un boscaiolo

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il Museo d’Arte Cinese di Parma protagonista alla Sapienza di Roma

  • Cronaca

    Prosciutto di Parma, 2020 anno nero: calano vendite ed export

  • social

    Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento