menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La diplomazia non è mai stata il mio forte

In viaggio con il super tifoso

Faccio una premessa: la diplomazia non è e non sarà mai il mio pezzo forte quindi quelli che ancora oggi dopo, scusate se sono monotono, due promozioni e trentatré punti in ventisette partite di Serie A, con molti giocatori al debutto assoluto da protagonisti nella massima divisione, si ostinano a parlare di fortuna anziché capacità del mister nel saper costruire una squadra con un'anima meriterebbero di vedersi tutte le partite del Parma da qui all'eternitá insieme a quel manipolo di superstiti tifosi della defunta, e non resuscitata, Reggiana che oggi sono venuti nella curva Sud a vedere vincere ancora una volta i crociati.

Detto questo partita per nulla emozionante, partita dalla sensazione, e qui cito un famoso portiere ossessionato dalla Coppa dei campioni, da “meglio due feriti che un morto”. Meno male che cuore ingrato Kucka ha fatto 'scappare il morto' meno male che a lasciarci le penne è stato il grifone, sportivamente parlando, eh, si intenda. Qui non si vuole uccidere nessuno e nessuno vuole che ci scappino i morti. 

Nonostante due squadre che badassero a non farsi male la curva ha confermato la crescita già mostrata con il Napoli, i Boys sono tornati a cori più corti e più secchi e la Nord è tornata magicamente a cantare. Belle anche le bandiere gialloblu ad accogliere le due squadre in campo, divertenti gli sfottò verso il “pennuto” rivale, fantastico vedere il Parma chiudere con un originalissimo 6-2-2 alla faccia di quelli che dicono che mister D'Aversa abbia solo uno schema in testa.

I sei minuti di recupero, il clamoroso gol sbagliato da Gervinho, la temuta beffa mai arrivata hanno solo aggiunto un po' di pepe all'attesa di vedere un Tardini espugnato dopo oltre cento giorni di digiuno.

Il boato finale è il punto esclamativo di una classifica bellissima. L'immaginare un futuribile e possibilissimo Bologna-Pordenone ed un Como-Venezia non fanno altro che farmi gioire per la concretezza di questa squadra.

di Luca Cavallina

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 73enne ha un malore dopo il vaccino Pfizer

  • Attualità

    Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento