Sport

Vigilia contro il Genoa, D’Aversa: "Gara più difficile rispetto a domenica"

Il tecnico del Parma: “Affrontiamo una squadra forte, che non ti lascia la profondità e che copre bene il campo"

Foto Ansa

Dal nostro inviato
PARMA - "C'è stato poco tempo per assaporare il gusto della vittoria", dice Roberto D'Aversa alla vigilia della partita contro il Genoa, "ci siamo dovuti preparare per la partita di domani". Partita importante ma non decisiva, almeno per il tecnico del Parma: "Dobbiamo buttare tutte le nostre energie sulla gara di domani e pensare partita dopo partita, per arrivare a fine campionato senza recriminazioni su quello che sarebbe potuto accadere. C'è spazio per recuperare e dobbiamo pensare di gara in gara, quindi mettere il massimo nell'impegno di domani". D'Aversa ritrova la panchina, dopo la squalifica che lo ha costretto a guardare la partita con la Roma dallo Sky Box: "Per quello che è stato il mio comportamento la squalifica era troppo, due giornate erano troppe. Ma non voglio tornare a quell'episodio, ringrazio la società che mi ha fatto sentire il sostegno. Ho avuto un fraintendimento con un ufficiale di gara, ci siamo chiariti, tutto qua". Il Parma ha la testa al Genoa, è in piena corsa salvezza e sta provando a risalire la china, gli sforzi sono concentrati sull'impegno di venerdì: "Una partita più difficile rispetto a quella di domenica, il Genoa è stata una delle squadre più colpite dalla pandemia, dall'arrivo di Ballardini hanno fatto cose molto interessanti e difficilmente hanno sbagliato prestazione. Hanno giocatori forti, come Destro, Pandev e Strootman, vengono a prenderti aggressivi, coprono il campo, sono bravi a fare la fase difensiva, sanno girare palla. Hanno arretrato Radovanovic, ogni azione nasce pulite e non ti concedono profondità. Quando abbiamo noi palla non dobbiamo avere fretta. La squadra sta bene, ma c'è qualcuno che non è al meglio e che ha avuto dei problemini in allenamento. Gagliolo si è allenato con noi solo oggi quindi vedremo e valuteremo. Cornelius già da ieri era con noi e valuteremo le sue condizioni. Non si pensa alla singola partita ma ai tanti impegni che mancano. Anche Pellè ha avuto qualche problemino in settimana. Domani sceglierò chi partirà e chi invece subentrerà a gara in corso. Kucka? E' il nostro capitano. Sceglierò chi sta meglio, con qualcuno che magari da tempo stringe i denti e potrà riposare, almeno dall'inizio. Ma la differenza la si può fare anche dalla panchina. È giusto che per il bene della squadra si possa mettere da parte l'io, accettando anche qualche panchina. La squadra è matura, non ci facciamo influenzare da un risultato positivo o negativo, dobbiamo ragionare su ogni singola partita. L'entusiasmo deve sempre esserci, è chiaro che lo stato d'animo cambia, a seconda dei risultati. Dobbiamo ragionare sulla partita di domani".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigilia contro il Genoa, D’Aversa: "Gara più difficile rispetto a domenica"

ParmaToday è in caricamento