menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parma, in attesa dell'udienza: Calaiò lascia il ritiro

L'arciere va a Roma per il processo. Intanto dalla società trapela ottimismo

Si avvicina l’udienza per il processo sul caso sms che sta frenando il mercato del Parma e sta preoccupando i tifosi. Martedì alle 11 ci sarà la prima (e si spera unica) tappa in attesa della sentenza (che potrebbe arrivare anche in giornata) presso il Tribunale Federale di Roma. Il club è stato deferito per responsabilità oggettiva in seguito al comportamento del  proprio tesserato, Emanuele Calaiò (violazione dell’Art. 7, tentato illecito sportivo), reo di “avere  posto in essere atti diretti ad alterare il regolare svolgimento e il risultato finale della gara suddetta tentando di ottenere un minore impegno agonistico da parte dei calciatori dello Spezia Filippo De Col e Claudio Terzi” prima della gara Spezia-Parma del 18 maggio. Intanto proprio Calaiò lascerà il ritiro in giornata per raggiungere la capitale, dove si terrà l’udienza. Accompagnato dal suo avvocato Paolo Rodella e dal legale rappresentante della società Eduardo Chiacchio, ci sarà probabilmente anche l’amministratore delegato del Parma Luca Carra in compagnia - probabilmente - del consigliere di amministrazione Giacomo Malmesi.

Il Venezia avrebbe notificato al Tribunale e al Parma l’intenzione di volersi costituire terzo controinteressato. Assieme al Palermo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento