Parma-Inter 2-0. De Ceglie strega il Tardini. Cassano show

Con gli uomini contati, sempre più, l'allenatore crociato si gioca tutto contro i nerazzurri di Mazzarri, che ritrova il "nemico" FantAntonio, in coppia con Coda davanti. In difesa rientra Lucarelli

E una notte magica quella che vive il Parma, come il 18 maggio. Si respira aria di grande sfida, si torna a vincere e si torna a sperare. Con il gioco vero, con il cuore e con la grinta goista. Il Parma va subito in vantaggio, con De Ceglie che chiude di piatto su assist di Rispoli. Obi non lo segue e l’esterno sinistro insacca facile. Acquah ha l’opportunità di ammazzare la partita, al 9’, ma il suo tiro finisce altro e fuori dai radar di Handanovic.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IL MATCH - Il Parma comincia bene, ma perde subito Coda, sospetta distorsione al ginocchio sinistro, al suo posto Ghezzal, con i nerazzurri che faticano ad entrare in partita. Kovacic è chiuso, Medel ha a che fare con un bruttissimo cliente come Acquah e Kuzmanovic non lo aiuta. E la prima palla giusta arriva al quarto d’ora con Obi che prova a fare lo stesso che ha fatto De Ceglie, senza trovare Icardi. Mazzarri soffre un Parma che gioca a specchio e corre, pressa e tira in porta. Cassano, alla mezzora, trova la soluzione del tiro da fuori, ma Vidic la devia e Handanovic rimane fermo. E’ solo angolo, ma l’Inter rintuzza e il Parma ci mette il cuore, che non si era mai visto. Lotta su tutti i palloni, sbarra la strada e serra i ranghi come in un duello rusticano. Faccia a faccia, scontri e duelli d’altri tempi per una partita che si incattivisce. Cassano rincorre tutti e la squadra lo segue ovunque. Nel secondo tempo il Parma posa le armi e aspetta l’Inter, con Cassano che semina spettcolo ogni volta che tocca la palla. Mazzarri scombina lecarte, toglie Obi e si affida a Hernanes con un 4-3-1-2 che lancia a volte il profera, altre Kovacic. Ma non è mai pericolosa, tranne che al 66’ con Palacio che calcia alle stele una bella palla di Icardi. L’Inter si sveglia tardi, Kovacic gioca ma gli altri non si muovono e con un tiro da fuori e becca il palo. Entra pure Bonazzoli, ma segna De Ceglie, sfruttando la deviazione della difesa dell’Inter su tiro di Cassano. I nerazzurri si sciolgono, rischiano la goleada e con Cassano vanno in apnea, sempre. De Ceglie davvero indemoniato, sbatte su Handanovic e poi esce prendendosi l’applauso di uno stadio intero. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

  • Sequestrati 70 chili di alimenti scaduti in un ristorante di Parma

  • Controlli anti Covid durante la movida: multe ad una cena 'privata' a Chiozzola

  • Krause e il mercato: "A breve annunci: ringrazio i soci, ora decido io"

  • Influenza: a Parma il primo caso in un bimbo di 9 mesi

  • Coronavirus: a Parma 15 nuovi casi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento