Parma, Buffon "perdona" Cassano, Leonardi avvisa l'Inter: "Sarà una gara difficile"

Dopo gli stage a Converciano in vista dei Mondiale di Brasile, il portiere della Juventus si è detto favorevole a una possibile convocazione di FantAntonio. Dall'altra parte Leonardi, invece, predica attenzione nella prossima gara dei crociati contro i nerazzurri

Pietro Leonardi

I Mondiali di Brasile si avvicinano e Prandelli sta iniziando a scegliere i giocatori che andranno a comporre la rosa dei 23 azzurri dopo lo stage che ha visto Cassano, Paletta, Parolo e Mirante a Coverciano. Proprio su FantAntonio si è espresso Buffon: "Cassano? L’ho visto sereno, pacato, non sembrava neanche lui. Al di là di tutto, sta facendo un grande campionato: se è a Coverciano, è perché se lo è meritato. Si è detto tanto, anche cose forzate ed inesatte: la verità è che le convocazioni le fa il ct, come è giusto che sia ha onore ed onere della cosa. Adesso ha ritenuto giusto chiamarlo, penso sia il modo migliore di operare". Parole importanti quelle dell'estremo difensore della Juventus e della Nazionale in vista delle convocazione con Prandelli che potrebbe davvero convincerci a richiamare Cassano in Nazionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IN VISTA DELL'INTER - Sabato il Parma ospiterà l'Inter di Mazzarri, una sfida non facile per i crociati ma soprattutto potrebbe essere decisiva per la corsa all'Europa League. Pietro Leonardi è consapevole dell'importanza di tale gara ma avverte l'Inter: “Dobbiamo partire da un presupposto: sabato abbiamo una partita e difficile, ma lo è anche per loro, non è che vengono a giocare contro nessuno, perciò io sono assolutamente fiducioso per quello che sarà la prestazione dei nostri ragazzi. Partendo da questo presupposto, ho detto già da Sassuolo in poi, anzi, da Reggio Emilia, che a loro piace di più, che stiamo sentendo ancor di più la volontà di andare in Europa da parte della nostra gente: perciò loro ci devono trascinare all’obiettivo”. L’AD ha anche sostenuto: “A livello nazionale ci siamo resi conto, da un pochino di tempo a questa parte, e questo deve essere uno stimolo in più, che siamo tra le squadre più gufate d’Italia, un po’ per gli orari che ci mettono in un modo o in un altro, tutti si aspettano che il Parma perda, ci stavamo andando vicino domenica, però ci siamo ripresi un’altra volta…”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

  • Sequestrati 70 chili di alimenti scaduti in un ristorante di Parma

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Parma, ipotesi Longo come nuovo Ceo

  • Controlli anti Covid durante la movida: multe ad una cena 'privata' a Chiozzola

  • Krause e il mercato: "A breve annunci: ringrazio i soci, ora decido io"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento