menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parma 1913 "Leonardi? Non è stato lui a creare il crac, dice...". Abodi risponde con ma...

La FIGC aspetta le carte dell'inchiesta, e intanto fa notare come Leonardi sia stato squalificato per irregolarità commesse ai margini del caso Parma. Tavecchio ha chiesto pure di sospenderlo...

PARMA - L'inchiesta di Calciomercato.com ha fatto parecchio discutere. Mercoledì mattina l'indagine del quotidiano online è stata notevole, avendo avuto a che fare con la storia recente del Parma e con quella di Pietro Leonardi, ex Dg e Ad dello stesso club crociato che, a causa della mala gestio, ha chiuso i battenti e dichiarato fallimento. La lente di ingrandimento di Stefano Agresti si è fermata ad analizzare la vicenda del Latina calcio e del suo tesserato che, dopo quello che ha combinato, ha trovato il tempo per sistemarsi a Latina, nella società romana che tra l'altro sta facendo cose buone dal punto di vista sportivo. Abodi, chiamato in causa dalla redazione di Calciomercato.com, ha risposto, anzi ha chiamato: "Chiamo perché se uno vuole essere coerente deve metterci la faccia e parlare: io lo faccio“. Così è iniziata la telefonata che Abodi ha fatto alla Redazione di Calciomercato.com: “Ho incontrato il Latina e lo stesso Leonardi prim’ancora che firmasse il contratto, perché c’erano voci su un suo ingresso in società. Non è stato un contatto segreto, perché non c’era niente da nascondere, tant’è vero che ci siamo visti in un bar. Il club ha posto la questione sotto il profilo umano: ci sono rapporti personali con Leonardi, aveva la necessità di lavorare, è un loro amico. Ma è chiaro che per me non deve essere sufficiente questo aspetto, benché possa anche provare a comprenderlo. Quanto a Leonardi, mi ha spiegato la sua posizione. Gli ho risposto che non posso essere io a sostenere la sua tesi, a raccontare che – a suo avviso – non è stato lui a creare il deficit del Parma. E l’ho invitato a svelare lui stesso quanto ha detto a me, ovviamente nel rispetto dei vincoli processuali per il procedimento in corso, perché l’opinione pubblica ha diritto di sapere. Auspico che lo faccia, mi auguro che parli".

Da Tevecchio nessuna risposta, sono una comunicazione fatta arrivare a Calciomercato.com secondo cui si fa notare come lo stesso Leonardi sia stato squalificato per irregolarità commesse ai margini del caso Parma e che, una volta scaduta la squalifica, Tavecchio abbia chiesto al procuratore Federale di sospenderlo in attesa della documentazione relativa al fallimento della società emiliana. La sospensione può essere solo di trenta giorni, prolungata di altri trenta, al termine dei quali, Leonardi è tornato libero di operare nel mondo del calcio. E Tavecchio non ha potuto nulla - scrive Calciomercato.com - di fronte all'ombra razzante decisione del Latina di affidargli subito la carica di Dg, ma il presidente della Federazione ha contattato Guiotto, uno dei curatori fallimentari del Parma per chiedere le carte dell'inchiesta e far procedere la procura federale per un nuovo giudizio. L'inchiesta è in corso, i curatori fallimentari non hanno potuto passare la documentazione alla FIGC. Non appena arriveranno le risultanze dell'inchiesta - assicura Tavecchio - la procura si muoverà". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Attualità

Covid: a Parma quasi 44 mila vaccinazioni

Salute

Come calcolare l'Indice di Massa Corporea

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: più di 170 casi e un morto

  • Cronaca

    Covid: "Negli ultimi giorni abbiamo ricoverato molti giovani"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento