menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Jiang Lizhang e Marco Ferrari in uno degli incontri di luglio - foto parmatoday.it

Jiang Lizhang e Marco Ferrari in uno degli incontri di luglio - foto parmatoday.it

Parma, LiZhang sarà presidente: ai cinesi il 60%

Rispettate intanto le scadenze: il closing (con tanto di firma) ci sarà il 15 di novembre, ma si tratta di una mera formalità

Il cambiamento epocale annunciato nel mondo Parma ha preso atto in maniera concreta. Al comando del club che dopo il fallimento era piombato in Serie D facendo il triplo salto all'indietro, c'erano i sette soci di Nuovo Inizio, un manipolo di imprenditori cittadini che si sono sobbarcati costi e gestioni sportive per tre anni, con la compartecipazione attiva di un azionariato popolare identificato nei tifosi pronto a dare il supporto (nei limiti del possibile) necessario. Imprenditori che hanno saputo traghettare il Parma fino alla Serie B, con due promozioni in due stagioni, prima di affidarsi alle forze fresche degli euro cinesi di Desports, entrata in società in maniera graduale. Jiang LiZhang, proprietario della società che si occupa di business sportivo interessata a rilevare i e da venerdì 3 novembre formalmente presidente del Parma (il closing vero e proprio è atteso per il 15 di novembre), ha investito i suoi denari prima acquisendo il 30% delle azioni del club, poi, con quindici milioni complessivi, si è aggiudicato il pacchetto azionario fino al 60%. E dunque la maggioranza.

Già a luglio, quando LiZhang aveva formalizzato l'acquisto del 30% era riuscito a essere convincente con i soci di Nuovo Inizio, facendosi 'promettere' la maggioranza delle quote per la fine di ottobre. Termine slittato a causa dei ritardi burocratici e del Congresso del Partito Comunista Cinese, che ha dettato delle regole anche in ambito economico-finanziario e che ha dato il via libera agli investimenti all'estero, autorizzando dunque gli imprenditori cinesi a poter indirizzare le proprie mire espansionistiche anche fuori dal loro Paese. I quattro milioni di euro mancanti che Jiang LiZhang avrebbe dovuto versare sul contocorrente della società già qualche settimana fa, dopo averne recapitati undici che certificano la volontà di completare il passaggio di proprietà, sono arrivati in tarda mattinata, come annuncia una nota comparsa sul sito ufficiale del Parma.

Parma Calcio 1913 è lieta di comunicare il completamento di tutti i processi necessari alla conclusione dell’accordo siglato nel mese di Giugno con Jiang Lizhang.

Nei giorni scorsi è stata depositata su un conto bancario italiano la provvista necessaria alla chiusura dell’ultima parte dell’operazione, mentre nelle scorse settimane sono state rispettate tutte le scadenze concordate relative al rafforzamento finanziario di Parma Calcio 1913.

Il nuovo azionista di maggioranza salirà come previsto al 60%, con Nuovo Inizio – che riunisce i principali industriali del territorio – al 30% e l’iniziativa di azionariato diretto PPC al 10%, a completare il nuovo assetto proprietario del Parma Calcio.

Jiang Lizhang sarà a Parma il prossimo 15 e 16 novembre per effettuare il completamento formale dell’operazione, per partecipare al CDA che lo nominerà ufficialmente Presidente del Parma Calcio 1913 e per una conferenza stampa di presentazione alla città’, negli orari e modalità che verranno prossimamente indicati.

Nessun incontro, né delegati, né rappresentanti di Desports hanno fatto visita alla sede del club. La firma, diventata solamente formalità con l'arrivo dei soldi, dovrebbe esserci tra il 13 e il 15 di novembre davanti a un notaio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento