menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parma | Dal “socio” di Lotito ai gruppi stranieri e Ama che si rende disponibile

Nel ritiro di Coverciano il presidente della Lazio ha incontrato la squadra e ha parlato di un socio interessato all’acquisto. Qualche timido interesse comincia a manifestarsi. Intanto, l’agente di Amauri, in esclusiva a Parmatoday: “Siamo disponibili, aspettiamo la convocazione dei curatori”

Lunedì Lotito ha dispensato ottimismo. Il Parma, in ritiro in Toscana per affrontare la partita con la Fiorentina, ha incontrato il presidente della Lazio. Uno scambio di battute, qualche pacca sulla spalla e un discorso generale sulla situazione che sta vivendo il Parma, che pare senza uscita. Ha provato a dispensare fiducia, Claudio, con la sua consueta faccia da guascone e quel suo modo di fare che ti coinvolge. Come se stesse parlando con amici al bar… in romanesco, una lingua che nel Lazio riconoscono quasi come istituzionale e che cercano di esportare come tale anche quando si allontanano dalla regione. Lotito è così, un po’ Cicerone. Lo è stato domenica con il Parma, quando a qualche calciatore ha spiegato il suo “piano” per salvare la società. Attraverso uno dei suoi soci. Che sia vero? Che sia la volta buona? Vedremo, perché a braccetto a questa “sparata” (il tempo dirà se di sparata si tratta), filtra anche un certo ottimismo sul fatto che ci sia interesse anche da parte di qualche gruppo, rigorosamente straniero, interessato al Parma: che però deve fare in fretta, perché l’asta, la terza consecutiva, è andata deserta, e si spera nella quarta (che probabilmente avrà lo stesso esito della terza) e nella quinta, il 28 maggio.

Ci sarà qualcuno disposto a comprare il Parma? I curatori, assieme ai giocatori in rosa, stanno facendo un grande lavoro. Per abbassare il debito sportivo, stanno contattando quotidianamente tutti, anche chi da Parma non è mai passato. Gli scogli più grossi sono i calciatori che, da Cassano ad Amauri, hanno avuto un ingaggio superiore alla media. “Spero in settimana di avere il piacere di conoscere i curatori fallimentari – spiega l’agente del brasiliano a Parmatoday.it - parlerò con il calciatore e dopo di che daremo loro una risposta”.

Giampiero Pocetta, in esclusiva, ci tiene a precisare come questa, non sia la prima volta che “Amauri sposta dei soldi, o rinuncia oppure si abbassa le pretese: si può dire che Amauri ha giocato gratis per due anni, quindi… io mi voglio mettere seduto e parlare con i dottori, poi decideremo. Riferirò tutto al calciatore che sarà libero o meno di decidere, di accettare o meno la loro proposta. Prenderemo una decisione con la solita disponibilità che ci ha contraddistinto in questi anni. Il fatto che noi siamo disponibili, però, non vuol dire che accettiamo. Nulla è stato proposto ad Amauri in maniera ufficiale, tenendo presente che si è abbassato e spostato l’ingaggio più volte, sono sicuro che si troverà un accordo. Io spero che in settimana verrò convocato, così poi potremo parlare per bene. Per ora solo telefonate… Gli altri della mia “scuderia” hanno sistemato tutto e hanno dato disponibilità. Pedro Mendes ha accettato, ha firmato la riduzione, così come Munari e come Rossi. Il discorso di Amauri è diverso, ci sono cifre diverse e prospettive diverse. Defrel? Se l’asta del 28 andrà deserta, diventerà tutto del Cesena”,

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Sport

    L'Inter soffre, ma vince: al Parma restano solo i complimenti

  • Cronaca

    Covid: quasi 170 casi e un morto

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento