menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parma, Lucarelli: "Ci vuole calma nei giudizi"

Il Capitano: "Siamo rammaricati, ma sabato c'è la possibilità di giocare per vincere"

Alessandro Lucarelli è visibilimente rammaricato dopo la sconfitta con l'Empoli: "Avevamo la possibilità di portare a casa almeno un punto contro una squadra forte. Siamo stati puniti oltremisura. Sicuramente potevamo gestire meglio la partita subito dopo il mio pareggio. Nel primo tempo, siamo stati bravi a stare in partita e a provare a pareggiarla. Siamo ripartiti nel secondo tempo pareggiandola, poi abbiamo commesso un’ingenuità difensiva sul loro raddoppio e non abbiamo realizzato il rigore che ci siamo conquistati. Dopo l’errore dal dischetto, credo che la partita sia finita lì perché abbiamo pagato anche un po’ di stanchezza. Non abbiamo avuto la forza di provare ad andarla a pareggiare di nuovo. E’ una sconfitta, la terza consecutiva, che fa male. Sicuramente è molto diversa da quella patita sabato scorso a Perugia. Oggi l’incontro è stato deciso dagli episodi, che ci hanno girato contro. Il pareggio sarebbe stato il risultato giusto. Veniamo da tre sconfitte diverse tra loro. Una meritata e due, l’odierna e con il Brescia, in cui siamo stati puniti oltremodo. Dobbiamo avere l’equilibrio di analizzarle una a una, capendo gli aspetti in cui dobbiamo migliorare. La medicina migliore è il lavoro quotidiano a testa bassa, con grande umiltà e con la voglia di uscire da questo momento. Però, dobbiamo andar lì con la voglia di far risultato. Bisogna metterci innanzitutto l’atteggiamento, la fame e la cattiveria per portare a casa il risultato. La gioia del mio primo gol in questo campionato è durata due minuti. Ci tenevo a segnare, perché comunque sia era la mia prima gara in campionato da titolare e avevo aspettato questo momento dal venti luglio, quando in ritiro è iniziata questa nostra nuova avventura. Aspettavo la mia occasione. Sono andato dentro con tanta voglia e tanta cattiveria e sono stato premiato da questa rete. Purtroppo, però, non è servita a niente. L’intesa con Sierralta è andata abbastanza bene. E’ stata la prima volta in cui abbiamo giocato insieme. Lui è un ragazzo che ha grandissime potenzialità e ha bisogno, naturalmente, di giocare per migliorare quelle piccole sfumature che un ragazzo di vent’anni è normale non abbia. Il futuro, però, è dalla sua parte, perché è un giocatore completo sotto tutti i punti di vista. Penso sia ancora presto per fare i processi, seppur dopo tre sconfitte. Bisogna avere l’equilibrio di fare le riflessioni giuste. Come dopo le prime due vittorie non eravamo la squadra che doveva vincere il campionato, ora non siamo da buttare. Abbiamo bisogno di lavorare a testa bassa, di pedalare e di avere la voglia di venir fuori da questo momento difficile. Non siamo la corazzata che tutti ci dipingevano l’anno scorso, ma siamo una squadra competitiva. In questo momento i risultati non ci stanno dando ragione.L’unica maniera per poterne venir fuori è lavorare a testa bassa e aver la voglia di cambiare le cose.Tutti insieme. Mister, squadra e mi auguro tutto l’ambiente che ci circonda, i tifosi e la stampa. Ci siamo già passati l’anno scorso: nei momenti difficili bisogna remar tutti dalla stessa parte, poi le cose possono cambiare. La scorsa stagione ce lo ha insegnato. Ci vuole tanta calma nei giudizi“.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Riesplodono i contagi: 164 nuovi casi e 2 morti

  • Cronaca

    Pizzarotti: "Contagi a rimbalzo: dobbiamo tenere duro così"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento