Sport Centro / Piazza Corte D'Appello

Parma | Lucarelli all'uscita dal Centro sportivo: 'Voglio che la società non fallisca'

Come avevamo anticipato, la squadra è seguita da uno degli avvocati della Assocalciatori Umberto Calcagno: "La nostra è una visita, vogliamo sapere che succede e ci muoviamo in ogni direzione". Intanto gli ufficiali giudiziari al Centro sportivo stanno pignorando gli attrezzi per la palestra e i macchinari per la fisioterapia. Biabiany si sfoga su Twitter: 'Tante parole, tante spiegazioni inutili, chi ha lasciato il debito e se n'è andato torni e paghi"

LUCARELLI: 'VOGLIO CHE LA SOCIETA' NON FALLISCA' - Lucarelli all'uscita del centro sportivo, dopo l'allenamento: "L'incontro di martedì è confermato. Non penso che ci andrò, almeno per ora. Preferirei che venisse lui qua, ma dopo l'ultima volta non penso che abbia voglia di venire. Dubito che tiri fuori il coniglio dal cilindro. Spero che si faccia vivo in altri modi. Non ho niente di nuovo da dire. Calcagno ha spiegato solo quello che è avvenuto in Tribunale. La messa in mora potrebbe partire, ma serve a poco. Vediamo, ma non calma, la situazione. Io voglio che la società non fallisca, l'importante è che si salvi la società, con Manenti o con qualcun'altro". 

calcagnopt-2

CALCAGNO: 'FALLIMENTO? E' UNA SOLUZIONE SECONDARIA' - Come avevamo anticipato, la squadra è seguita da uno degli avvocati della Assocalciatori, nonché vicepresidente  Umberto Calcagno: "La nostra è una visita, vogliamo sapere che succede e ci muoviamo in ogni direzione. Vogliamo capire la modalità migliore per andare avanti.  La speranza è che la società si salvi e che risolva il problema in maniera decisa. Oggi però quella del fallimento è una soluzione secondaria e speriamo che Manenti risolva le cose. Se non succede beh, c'è una udienza il 19. La strada è tracciata. Il problema è organizzare la partita di domenica. Non ha senso la messa in mora, ora capiamo se i problemi possono essere risolti dalla proprietà e spero che Manenti risolva i problemi". 

pizzarottipt-3

?ORE 11.50: PIZZAROTTI ESCE DAL TRIBUNALE: "LA PALLA PASSA A MANENTI" - "È una situazione strana, Manenti non si è fatto vivo e lo aspettiamo per martedì. Le Istituzioni devono attivarsi. I tempi sono prematuri, sul possibile scenario c'è riservatezza. Non abbiamo chiesto nulla, siamo una entità terza e non possiamo chiedere nulla. Ringraziamo il Tribunale di averci ricevuto ma ora bisogna seguire la situazione giorno per giorno. Manenti lo vedremo al più presto, se non è in grado di andare avanti lasci e ci metta nelle condizioni di lavorare. Tocca a lui trovare delle risorse. Se non arriva Manenti? E' lui che ha in mano la situazione.  Noi presidieremo Collecchio perché questa è una società privata, noi possiamo fare ben poco. Non è nel nostro potere agire". Intanto i calciatori si stanno dirigendo verso Collecchio per la seduta pomeridiana. Accompagnati dall'avvocato Calcagno dell'Aic, che monitora la situazione. 

BIABIANY SU TWITTER: 'Tante parole, tante spiegazioni inutili, chi ha lasciato il debito e se n'è andato torni e paghi, almeno per salvare il Parma" 

UFFICIALI GIUDIZIARI A COLLECCHIO- Intanto gli ufficiali giudiziari sono a Collecchio per pignorare i macchinari della palestra e gli attrezzi medici per la fisioterapia. 

lucarellipt-3

In tribunale c'è anche il capitano, Alessandro Lucarelli: "L'interesse generale è partito tardi, speriamo di essere in tempo per sistemare le cose. Le istituzioni avrebbero potuto muoversi prima. Ghirardi dice che non ci sono debiti? Mah, le cose non quadrano e i problemi sono nati tutti sotto la sua gestione. Tavecchio? Vediamo come si comporterà nei nostri confronti, poi saremo noi a decidere se scendere in campo o meno. A Genova? Faremo in modo di andarci anche se dobbiamo prendere le nostre macchine. I tifosi? Sono importanti, sono stati civili e hanno fatto la cosa giusta. Fallimento? Non sono d'accordissimo: non mi piace l'idea perchè dobbiamo fare di tutto per salvare la società. Questa deve essere una soluzione estrema perché così i dipendenti ci perdono i soldi. Manenti? Non lo sentiamo da venerdì, però è vero che ha avuto poco tempo e mi auguro che riesca ad ottemperare alle richieste. Prima di spegnere tutto vogliamo tentare ogni strada. Ghirardi? Da quando ha lasciato la società non lo abbiamo più visto nè sentito". Intanto gli ufficiali giudiziari sono a Collecchio. 

Altra giornata campale a Parma, dove il campo ha passato la parola ormai ai Tribunali. Nell'incertezza generale, i calciatori chiedono chiarezza e, intorno alle 10 e 30 si riversano in Tribunale assieme al sindaco Pizzarotti: "Capiremo le tempistiche e le problematiche di una società normale. 

lucarelli1-2

Non ci sono molti precedenti. Tavecchio? Lo devo ancora sentire, ora facciamo un punto della situazione perché bisogna capire bene cosa vuole il Tribunale". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parma | Lucarelli all'uscita dal Centro sportivo: 'Voglio che la società non fallisca'

ParmaToday è in caricamento