menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Luigi Apolloni, tecnico del Parma - foto D. Fornari

Luigi Apolloni, tecnico del Parma - foto D. Fornari

Vigilia contro il Mantova, Apolloni: "Serve lucidità e rabbia"

"Lavoriamo per dare un gioco a questa squadra"

Arriva il Mantova e Gigi Apolloni vuole farsi trovare pronto all'appuntamento. I suoi ragazzi hanno una doppia missione: vincere e riprendersi il Tardini, dove nell'ultimo mese sono maturate le uniche due sconfitte dell'intera nuova gestione. Il fortino sembra essere crollato, il Parma subisce gol da tre partite consecutive, la difesa imperforabile sembra solamente un lontano ricordo. Nonostante tutti i problemi il Parma si trova ancora a distanza di sicurezza dalla prima: tre punti separano i crociati dalla vetta. Per questo che Gigi vuole vedere un'inversione ora: “Dobbiamo trovare la continuità che abbiamo avuto per un po’, di risultati ma anche della prestazione, perchè la gara contro il Forlì è servita per far capire anche ai ragazzi che se manovrano con lucidità creano problemi agli avversari. Dobbiamo essere più attenti però, perchè aver preso tre gol da una squadra che fino a quel momento ne aveva segnati solo altrettanti è un problema. Ho rianalizzato la gara, e nella prima parte comunque hai creato e sei stato vivo. Hai sbagliato nelle situazioni in cui sono mancate serenità e lucidità. Rispetto ad altre gare siamo partiti forte, ma non è stata accompagnata dalla parte razionale. La rabbia dev’essere accompagnata dalla lucidità. Il Mantova? Io mi aspetto un Parma che dia continuità di prestazione nel senso di appartenenza di una squadra. Il Mantova viene da una gara persa dopo essere andata in vantaggio, dobbiamo avere un’attenzione particolare, perchè questo è un campionato aperto". 

MAZZOCCHI IN RIPRESA - "Ci sono dei problemi con Saporetti che ha un problema ad una schiena, ha una piccola ernia ed è a riposo. Coric in un movimento anche abbastanza stupido si è fatto male ad una gamba, Mastaj ha un problema di pubalgia. Agostinho ha avuto un problema a livello tendineo. C’è Nocciolini che dalla prossima settimana tornerà in gruppo, mentre Mazzocchi non è ancora al top. Miglietta è al 100%, non c’è nessun problema. Ho un parco giocatori davanti che sono bravi, che sono di qualità e che sto cercando di far sì che si conoscano. Le distanze sono fondamentali in campo, sono quelle che ti permettono di aiutarsi, ci vuole un sacrificio ed una lettura importante da parte dei ragazzi, è chiaro che stiamo lavorando molto. Dobbiamo dare continuità, il calcio è situazionale, ed ogni situazione può essere uguale o completamente diversa. Nei calci da fermo do delle marcature e dei punti di riferimento a loro, però può essere che la squadra avversaria cambi completamente schemi e giocatori, e quindi serve malizia e scaltrezza". 

EVACUO E GLI ALTRI - Lavoriamo per dare un’identità ed un gioco alla squadra, cercando di non prendere gol. Dobbiamo avere la capacità di saper leggere le situazioni, di accorciare e di non far partire gli avversari, quelli dietro devono guidare quelli davanti, ci dev’essere la capacità di attaccare nel momento opportuno e non farsi trovare impreparati. Baraye ha imparato moltissimo a coprire, poi nel terzo gol ci sono stati vari errori tra cui uno suo, ma la capacità della squadra dev’essere quella di rimediare all’errore di un singolo. Questo dev’essere un punto fermo di essere bravi a collaborare, ed essere pronti a coprire le zone scoperte. Poi chiaramente c’è anche la bravura degli avversari. Evacuo? Sta bene, è un giocatore fisicamente forte, ed alcuni carichi di lavoro non li assorbe bene. Stiamo cercando di dargli brillantezza ed agilità che fa fatica a prendere in breve tempo vista la sua stazza. Rimanere in alto in classifica è fondamentale, perchè metti in apprensione anche gli altri perchè il Parma è una squadra formata da grandi giocatori. Avere avuto questi inciampi fa parte di un percorso di una squadra che sta cercando di costruire le proprie fondamenta. Canini non avendo fatto la preparazione sta pagando questa differenza di valori. C’è la possibilità di vedere Benassi? Certo, è un giocatore affidabile, ha sempre fatto bene. Canini si rende conto di essere un po’ in difficoltà, ma sa che con il lavoro settimanale troverà la condizione, poi farò le mie scelte rispetto a quello che ho visto in settimana”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento