menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

MERCATO | Parma, Idea Boakye, ma il sogno resta sempre il Gila

Leonardi, impegnato con la revisione dei conti assieme agli advisor di Taci, non molla il mercato. Sondaggio per il centravanti dell'Atalanta, con Gilardino che resta il candidato numero uno per l'attacco. E si cerca di convincere Campagnaro

Il Parma lavora, con il vento della vittoria in poppa. Su due fronti: la revisione dei conti, primaria per la vita del club, e il mercato, essenziale per rinforzare la squadra e per rimanere in A. I nomi sul taccuino sono tanti, e mentre Leonardi è impegnato con le finanze del club, non perde di vista il mercato e fiuta, segue tracce, ci crede. Crede di poter realizzare quella che lui stesso ha definito la sfida più difficile della sua carriera. Da quando è nel mondo del pallone, il Leo difficilmente ha perso e malgrado, i tifosi vogliono che faccia le valige a fine stagione, il dg resterà a meno di clamorose sorprese. Anzi, a lui le sorprese piace farle, ma al momento, dei bonifici promessi da Rezart Taci, nemmeno l'ombra. Si continua a lavorare con gli advisor, riunioni fiume per analizzare i conti e la situazione economica, con quella di mercoledì sera che è continuata anche nella giornata di giovedì, e continuerà anche venerdì, con Donadoni e i suoi ragazzi che sudano dall'altro lato. E aspettano: Nocerino e Gonzales, come vi avevamo anticipato e ampiamente raccontato, sono in stand-by, causa mancanza di denaro fresco da riversare sul mercato. I prestiti, con obbligo di riscatto in caso di salvezza, non possono ancora essere formalizzati, ma i ragazzi sono stati bloccati.

GILA ATTENDE - Più difficile arrivare a Gilardino, almeno nell'immediato, ma è lui il vero obiettivo di questo mercato. Portare una punta agli ordini di Donadoni è fondamentale, visto il fallimento di Belfodil in questa prima tornata e l'inaffidabilità di Palladino. Inoltre con Pozzi mai in forma e Coda che sta smaltendo l'infortunio di novembre, il Gila servirebbe come il pane. Intuitivo, veloce e letale in zona gol, l'attaccante di Biella avrebbe già detto sì a Leonardi. Il Montreal Impact preme, ma l'affetto dei tifosi, il prestigio della serie A e la voglia di mettersi ancora in mostra ad alti livelli sono una motivazione importante, una leva che alza il peso e lo fa pendere verso il Parma. Troppo presto se n'è andato, Alberto, non contento dell'esperienza al Guanghzou, ha fretta di rientrare in patria, ma vuole pure garanzie dal lato economico e aspetta che Taci si insedi. La formula proposta dal Parma è sempre la stessa: prestito con obbligo di riscatto, fissato introno ai 4 milioni con il prezzo destinato a scendere, in caso di salvezza.  Il contratto del Gila scade tra un anno e mezzo, nel 2016, e la squadra di Cannavaro non pensa al rinnovo. Nemmeno il giocatore, al quale Leonardi avrebbe strappato un sì pesante.

BOA-SI' - Si attendono sviluppi e, in caso dovesse saltare il tutto, il Parma avrebbe già pronta la carta Boakye: il ragazzo è in prestito all'Atalanta, ma il cartellino è di proprietà della Juventus. Il suo agente, Oliver Arthur, è stato contattato dal Parma, per un sondaggio, e il lavoro è solo all'inizio. Bisognerebbe convincere la Juventus ad accettare il prestito con obbligo, fissato a 3 milioni, e l'Atalanta a privarsi di un calciatore, potenziale talento, che non sta facendo giocare. L'arrivo di Pinilla ha spostato gli equilibri e con gente come Denis la davanti, per il ragazzo si fa ancora più difficile trovare spazio. Per questo, un passaggio al Parma, potrebbe essere favorevole. La trattativa dovrebbe essere separata da quella che porta a Gilardino, anche perché gli obiettivi del Parma sono: due difensori, due-tre centrocampisti e due punte. Boakye e Gilardino. Intanto il sogno di andare a Verona con qualche faccia nuova, pare stia tramontando, ma non si deve escludere alcuna sorpresa in queste ore bollenti. Il Parma lavora... su due fronti: revisione dei conti e mercato. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: stop ai diesel Euro 4 fino a venerdì 5 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Ponte della Navetta, Alinovi al Ministero: “Aprirlo entro Pasqua”

  • Attualità

    Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento