Parma, le mosse di Donadoni: ridare entusiasmo e "motivare" Cassano

La mission del tecnico passa attraverso cinque step: riportare buon umore tra i tifosi, dopo l'Europa cancellata, convincere Ghirardi a rientrare come presidente, spingere FantAntonio, riscattare il brutto inizio e un Belfodil da rigenerare

Donadoni e Ghirardi insieme - foto fcparma.com

Il Parma deve riprenderesi... Donadoni. E Donadoni deve riprendersi Parma. Una storia d'amore particolare quella tra il tecnico e la città, la squadra e i tifosi che sognano un altro miracolo. Come quello che il tecnico è stato capace di fare lo scorso anno con un sesto posto strappato dalla giustizia, a causa di inadempimenti piccoli ma significativi per chi sta sopra. Ai piani alti hanno deciso così, malgrado il margine di errore fosse solo dello 0,60%. Forse meglio una multa, troppo eccessiva la pena, ma ormai è andata così, Donadoni non è certo uno che si piange addosso, guarda avanti come ha sempre fatto, anche dopo una vittoria importante, soprattutto dopo una sconfitta, dopo aver analizzato gli errori e detto tutto ai giocatori. Ora mira a riprendersi il Parma, proprio contro il Milan, il suo Milan, ma il compito è difficile.

ENTUSIASMO DA RIPORTARE - Non solo perché c'è da battere i rossoneri lanciati. Il tecnico è chiamato a dare entusiasmo a una piazza non particolarmente ottimista. Dopo la cessione di Amauri, un cuore grato ai tifosi e rimasto ancora impresso nella loro mente, dopo la doppietta del 18 maggio, l'ambiente e scettico. Complice un inizio di stagione poco esaltante, coinciso con l'infortunio di Cassano e una sconfitta incolore a Cesena. Insomma, dopo la cancellazione della Uefa, il tifoso del Parma ha bisogno di una bella sterzata. Una risposta buona per la società è arrivata anche dagli abbonamenti, ma la gente vuole vedere bel calcio e risultati. Come prima. Vincere con il Milan sarebbe bello, aiuterebbe molto in questo senso.

GHIRARDI DA CONVINCERE - Magari vincere aiuterebbe anche Ghirardi a rientrare suoi suoi passi. "C’è stato un CdA molto positivo - ha detto il dimissionario numero uno -. E’ stato bello ritrovare tutti i consiglieri, che mi hanno chiesto di tornare a guidare la società: sto valutando, mi sono preso due o tre giorni, l’amarezza è ancora tanta per l’episodio di questa estate, ma è un argomento su cui non vorrei più tornare. Farò una riflessione su quanto il CdA mi ha chiesto all’unanimità. Dei tifosi ho grande rispetto così come della gente di Parma, oggi non sono in Europa League e finchè non me lo diranno la mia amarezza non sparirà. La società è ancora nelle mie mani e ci stiamo impegnando, insieme all’ad Leonardi, per fare una stagione importante". Vincere contro il Milan sarebbe bello anche perché la prima in casa, non si scorda mai. La prima della nuova stagione e con Ghirardi dimissionario... Pensate se dopo una vittoria, il Ghiro si sveglia e pone fine al teatrino del "torno? Vediamo". Sarebbe una storia fantastica. Vincere per convincere Ghirardi. 

allenamento10-2

CASSANO DA "MOTIVARE" - E Cassano. Il barese ha un problemino al ginocchio, che sta smaltendo, ma che lo costringe ad allenarsi a ritmo ridotto, per ora. Non ha la partita intera nelle gambe, ma con i rossoneri potrebbe ritrovare gli stimoli adatti per cominciare il campionato. Per mostrare a tutti che il Mondiale è alle spalle e che si sente ancora un calciatore vero. Magari Leonardi gli ha proposto un incentivo sul contratto, ma toccherà a Donadoni motivarlo. Fino ad ora ci è riuscito, ora la mission si fa proibitiva, ma al tecnico le sfide piacciono parecchio. 

RISCATTARE CESENA - Ripartire da Cassano, per vincere e per riscattare un inizio brutto. A Cesena la squadra non c'era. Apatica e senza grinta, colpa degli eccessivi carichi di lavoro, forse, o della mancanza di cattiveria, fatto sta che al Manuzzi è stata una brutta partita. Il momento della sosta è arrivato a pennello, Donadoni ha avuto 15 giorni per prepararsi e preparare i ragazzi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

BELFO, LA SFIDA - E Belfodil. L'ex enfant prodige ha perso i Mondiali, ma ha ritrovato l'Algeria e forse le motivazioni giuste per un anno da star. Donadoni vincerà la sfida di stanare il talento sopito del vabagondo?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

  • Sequestrati 70 chili di alimenti scaduti in un ristorante di Parma

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Parma, ipotesi Longo come nuovo Ceo

  • Controlli anti Covid durante la movida: multe ad una cena 'privata' a Chiozzola

  • Krause e il mercato: "A breve annunci: ringrazio i soci, ora decido io"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento