Verso Parma-Milan | I destini incrociati di Donadoni e SuperPippo

A maggio sembravano scambiarsi gli incarichi, con l'ex CT a Milanello e Inzaghi a fare "palestra" con Ghirardi. Poi il dietrofront di Berlusconi: "Pippo sarà il nostro mister". Domenica saranno di fronte per la prima volta...

Tecnici a confronto: Donadoni contro Inzaghi

A un certo punto, Donadoni e Inzaghi sembravano doversi scambiare le... casacche. Sì perché il tecnico del Parma, per quanto bene ha fatto in questi anni, si è guadagnato la fiducia di Berlusconi, da sempre sostenitore della filosofia "il Milan ai milanisti". Il presidente aveva anche messo da parte le rimostranze nei confronti di Donadoni reo di essere un tipo "singolare" nei confronti della stampa. "Il tecnico non si sbilancia mai, non è mediatico", si sentiva dire a Milanello, poi non va d'accordo con Galliani... . La versione più accreditata è questa. Superata, più che mai vicini, non solo per gli accostamenti di mercato e le ipotesi che ne derivano in quanto ex, Donadoni è diventato la prima scelta. Messi da parte i problemi mediatici, o presunti tali, l'ex CT sarebbe stato prontissimo a trasferirsi alla "casa madre", per lasciare Parma da vincitore e con un sesto posto in tasca che sul campo gli è stato riconosciuto anche dopo le vicende extra-sportive. Pippo avrebbe fatto il percorso inverso, per far crescere i giovani di Ghirardi e diventare grande lui stesso per poter aspirare poi ai posti privilegiati. Ma non se ne fa nulla, Berlusconi sceglie Inzaghi per rilanciare il suo Milan, e Donadoni rimane a Parma, nonostante i corteggiamenti di Lotito che a Formello gli stava facendo firmare un bel contratto di 600.000 euro a stagione. Tutto fermo, anche qui. Pippo e Roberto sono rimasti ai loro posti, sono ripartiti e domenica si ritrovano di fronte, l'uno contro l'altro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

SPECULARI -  Inzaghi per continuare l'opera di rilancio, Donadoni per cominicare un campionato nuovo. Cesena deve essere dimenticata in fretta. Pensa da calciatore. Quando con il Milan vinceva tutto, faceva presto a cancellare. Sia vittoria che sconfitta. Pensare alla prossima. Lo ha insegnato alla squadra, lo ribadirà. Come Inzaghi. Stessa filosofia, stessa voglia di vincere. Come da giocatore, affamato di gloria, ha ripulito l'armadio del Milan da qualche scheletro e lo ha restituito ai giocatori. Per i tifosi è un idolo, per i calciatori un compagno. Il suo 4-3-3 è equilibrato, con il centrocampo che accorcia subito e pressa in ogni zona. Gli esterni ripiegano e la punta, per ora falso nueve, fa un sacco di lavoro. Armonia, sintonia, e trazione anteriore. Correre poco e bene, in avanti possibilmente. Anche Donadoni la vede così. Possesso palla e verticalizzazioni, con palloni in area per sfruttare gli inserimenti dei centrocampisti e i numeri di Cassano che, forse, ci sarà. Esterni veloci, pronti a ribaltare l'azione, con una boa atipica come FantAntonio brava a creare spazi. Ci si aspetta un bel incontro tra due perfezionisti... che si sentono calciatori. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Welcome, Mister President: al via l’era Krause

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento