menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Tommaso Ghirardi, presidene del Parma

Tommaso Ghirardi, presidene del Parma

COMMENTI - Ghirardi: "Continuiamo ad essere ambiziosi con umiltà"

Il presidente è soddisfatto della gara: "Abbiamo fatto bene ma possiamo crescere ancora". Il primo pari per Colomba sa di beffa: "Meritavamo di vincere, ma accettiamo e lavoriamo per fare meglio"

Ghiradi è spddisfatto alla fine di Parma-Palermo, ha visto la sua squadra muoversi con fiducia e rischiare pochissimo in un oari che sta stretto all'ambiente. "Sono soddisfatto – dice Tommaso Ghirardi ai microfoni di Mediaset – è stata una bella partita, con una bella prestazione da parte nostra. Credo che anche il Palermo possa dirsi contento. Se continuiamo così possiamo fare bene. Io rimango convinto – prosegue il presidente – che dobbiamo essere ambiziosi. Abbiamo un organico, una struttura societaria, uno stadio e tifosi da mezza classifica in su ed è giusto che proviamo ad inseguire questo traguardo. Non voglio essere frainteso. Quando dico questo – spiega Ghirardi – non significa che il Parma non insegua la salvezza. Anzi. La salvezza rimane l’obiettivo prioritario perché rimanere in serie A è vitale. Ma detto ciò ritengo sia giusto visto il nostro potenziale, cercare di centrare anche altri traguardi”. Capitolo Inzaghi: “Pensare di avere un campione come lui, per me, che solo pochi anni fa guardavo le gare del Carpenedolo, è una cosa grandissima, inimmaginabile. Come ho già avuto modo di dire, sarebbe un sogno. Bisogna tuttavia rispettare equilibri e disponibilità societarie. Inoltre non so se Pippo lascerà davvero il Milan". Su Giovinco: “E’ ormai maturo, sia come ragazzo che come calciatore. Sa che è in comproprietà con la Juve ma anche che con noi ha un contratto di cinque anni. Credo che abbia la serenità di giocare con il Parma, qui c’è anche Leonardi che l’ha scoperto nelle giovanili della Juve e di guardare avanti con lo stesso stato d’animo”.

Colomba è amareggiato, non per la prestazione ma per la mancata vittoria. "“Qualche gara come quella di stasera in altre occasioni l’avevamo persa – spiega l’allenatore crociato – . Penso ai match contro la Roma in casa o contro la Lazio all’Olimpico per esempio. Quindi alla fine va bene anche il pari, risultato che molti invocavano visto che non l’avevamo ancora centrato. Certo, prendere un solo punto dopo che per larghi tratti si è fatta la partita e si è preso un palo e una traversa, non può lasciare completamente soddisfatti. Ma come dicevo prima, alcune gare come queste, non ci hanno lasciato nulla se non la prestazione. Contro il Palermo invece, oltre appunto ad una prestazione positiva di tutto il gruppo almeno qualcosa lo abbiamo racimolato. E’ mancato si può dire solo il gol, che meritavamo fin dal primo tempo e che sarebbe stato davvero la ciliegina sulla torta. Sono stati 95 minuti di grande intensità, con il piede sempre sull’acceleratore. Abbiamo preso pochi rischi e siamo stati bravi a limitare una squadra come il Palermo, che è una buona formazione con giocatori molto rapidi a ripartire. colomba-19-8Credo che questa prestazione sia stata anche frutto dell’occhio di riguardo che ho avuto martedì: dispiace sempre uscire dalla coppa, ma il campionato merita attenzione. Vogliamo arrivare alla salvezza quanto prima, poi si vedrà. Contro il Palermo non ho effettuato cambi in pratica perché non ho visto la necessità, nessun calo o situazione di evidente difficoltà. Paradossalmente l’unica sostituzione, quella di Musacci su Pellè l’ho fatta perché volevo la standing ovation per il ragazzo che secondo me ha fatto una prestazione da 10. I fischi erano sicuramente per me. Volevo che Pellè prendesse gli applausi. Ha fatto davvero una grande gara, da centravanti vero, di grande qualità e grande fisicità. Con lui la squadra gioca, anche se non ha molto feeling con il gol. Per gli applausi spero allora che arrivino la prossima volta, quando magari la butterà dentro".

Anche Giovinco la pensa come il mister: "Meritavamo di vincere, abbiamo giocato e ci è mancato il gol. Siamo stati sfortunati ma la prestazione è stata buona. Il palo? Dopo quello di Novara l’ho preso anche oggi, spero di rifarmi con la prossima partita. La squadra è in crescita e lo sono anch’io, abbiamo fatto tutti una bella prestazione. E’ bello quando il gruppo lavora bene esaltando i singoli. Oggi ci è mancata la precisione, perché se crei così tanto e non segni significa che gira un po’ male. Però guardo avanti; tenteremo di rifarci a Cagliari. Le attenzioni della difesa avversaria? Alla fine fanno piacere perché significa che stai facendo bene. Dopo l’infortunio che mi ha impedito di giocare con la Nazionale mi sono ripreso e adesso sono in forma”. Le domande  riguardano anche le ipotesi calciomercato, che il giocatore ferma con decisione: “Penso solo a Parma, il mio futuro passa da qui. Obiettivi? Spero di arrivare in doppia cifra".

Valiani, fra i migliori della gara se la prende con il palo. "Sul tiro a giro c'ho sperato, ma mi è andata male. Più che il problema del gol abbiamo un problema coi pali ultimamente. Stasera abbiamo giocato nel modo giusto e c'è da dispiacersi solo per il risultato. Pellè deve solo riuscire a sbloccarsi e poi tutto gli verrà più semplice , poi ci sono Floccari e il 'giovane' Crespo, che possono aiutarci in fase di realizzazione. - conclude parlando di mercato -Pippo Inzaghi? Ci vorrebbe ovunque, è un giocatore che fa gol anche ad occhi chiusi e piacerebbe a tutti".

Mangia si gode il punto e torna a Palermo con fiducia. "Sinceramente la partita l'ho vista veramente poco. Per come eravamo messi comunque sono contento per il risultato. In trasferta sappiamo di poter far meglio, ma prendiamo questo punto che per come eravamo messi è davvero prezioso. Dobbiamo sopratutto essere più aggressivi in mezzo al campo anche in trasferta e su questo bisogna lavorare ancora molto. Il Palermo sta facendo bene complessivamente, anche se fra le prime siamo quelli più penalizzati dagli infortuni nel reparto offensivo, visto che è da inizio anno che non ho tutti gli attaccanti a disposizione contemporaneamente. - conclude Mangia parlando del ballottaggio in porta - Benussi ha fatto bene la scorsa settimana ed è giusto dargli fiducia e anche oggi ha fatto benissimo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Sport

    L'Inter soffre, ma vince: al Parma restano solo i complimenti

  • Cronaca

    Covid: quasi 170 casi e un morto

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento