menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parma, poker al Dro in attesa del Bari: segna pure Dezi

Primo gol per il centrocampista che di destro insacca il 3-0. Debuttano Gagliolo e Di Gaudio

Finisce 4-0 l’amichevole con il Dro. 30 reti il tre partite non esaltino, il calcio d’estate è diverso da quello che sta per cominciare, ma il Parma ha mostrato molte cose positive. A segno Lucarelli, Calaiò, Dezi e Nocciolini.

Per la seconda volta consecutiva Roberto D’Aversa schiera la stessa formazione nell’ultima uscita in Trentino. Davanti a Frattali ci sono Iacoponi, Di Cesare, Lucarelli e Scaglia. A centrocampo Scozzarella fa il perno davanti alla difesa, mentre Munari e Scavone agiscono ai lati del piccolo regista. Che deve provare a mandare in porta Siligardi, Calaiò e Baraye.

Nel segno della continuità, per dare un’ossatura a questa squadra che si avvicina moltissimo a quella che si è sbarazzata dell’Alessandria a Firenze. Qualche segnale, inevitabilmente, lo si percepisce in maniera netta e distinta. Tra una settimana il Parma deve affrontare il primo impegno ufficiale della stagione: a Bari sarà partita vera e per D’Aversa è meglio continuare sulla strada che conosce meglio ed evitare di perdersi nei sentieri. Nell’ultima settimana sono arrivati quattro giocatori: Dezi, Insigne, Di Gaudio e Gagliolo. Nessuno di loro è in campo. Se i primi sono abbastanza indietro con la preparazione, dato che si stavano allenando a parte, con un preparatore atletico tutto per loro, lontano dai ritiri, per gli altri due serve tempo. Inserirsi gradualmente in una squadra che è stata costruita un mattone alla volta e che il 6 agosto giocherà la sua prima partita ufficiale in uno stadio importante contro un avversario ambizioso. Il Bari di Fabio Grosso, con il quale Roberto D’Aversa ha frequentato il corso di allenatore a Coverciano.  Prima del Bari, i crociati affrontano il Dro, squadra del posto che milita in Serie D. Rispetto alle sfide precedenti il livello è più alto, ma niente di impossibile, per intenderci. Ma questo ostacolo è subito visibile perché se i primi tempi precedenti erano stati chiusi sul 9-0 contro il Pieve di Bono e sul 7-0 contro la Settaurense, i primi 45’ contro il Dro terminano solamente 1-0. L’unico gol lo segna Capitan Lucarelli sfruttando un’azione da calcio d’angolo. Poi tre legni, due pali e una traversa impediscono al Parma di finire avanti di parecchi gol già nei primi 45’.

Nel secondo tempo entrano Gagliolo, Corapi e Dezi al posto di Lucarelli, Scozzarella e Munari. Gagliolo, contrariamente a quanto potessimo pensare, va a fare il centrale di sinistra accanto a Di Cesare, con Scaglia che resta largo a sinistra. In porta Frattali lascia il posto a Nardi. Subito protagonista dopo 10’ quando Ajdarovski lo chiama su calcio di punizione dal limite. Il Parma dopo lo spavento passa ancora. Il rigore di Calaiò procurato da Corapi viene trasformato da Calaiò che poi esce e con lui tutta la squadra. Restano in campo solo Nardi, Corapi e Dezi. Mazzocchi, Coly, Gagliolo e Germoni formano la linea a quattro in difesa. Dezi, Corapi e Barillà in mediana. Insigne Nocciolini e Di Gaudio davanti. Il 3-0 però lo firma Dezi con un buon destro che stende il portiere del Dro su una palla che arrivava lunga da sinistra. Gli esterni a piede invertito di D’Aversa favoriscono i tagli della punta e l’inserimento delle mezz’ali che accompagnano. I cross al centro da posizione defilata creano grattacapi importanti per la difesa del Dro che preoccupa solamente su punuzione E’ proprio uno di questi palloni che permette a Manuel Nocciolini di fissare il punteggio sul 4-0. Il suo colpo di testa non lascia scampo al portiere del Dro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Attualità

Scuola Bottego, piano allagato: gli alunni tornano a casa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento