menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parma-Pordenone 1-1 | Gigi Scaglia di giustezza

D'Aversa ha scelto la fantasia rinunciando all'agonismo

Dal nostro inviato

FIRENZE – E per la terza volta il Pordenone si arrende alla forza e alla fortuna del Parma. Finisce 6-5 dopo i calci di rigore, dopo un 1-1 maturato nei novanta minuti. 
L’ultimo rigore lo calcia Lucarelli che spiazza Tomei e regala la gioia al Parma.
 Tedino sorprende, il 3-4-2-1 del tecnico del Pordenone lascia un po’ di stucco il Parma che accusa un buon avvio di gara da parte dei neroverdi. Che si scatenano soprattutto sul binario di destra con Parodi preferito a Buratto, a beneficio anche di uno schieramento tattico che i crociati accusano almeno all’inizio. E mentre Cattaneo faceva il bello e il cattivo tempo, il Parma è riuscito a passare in vantaggio nella maniera in cui poteva passare e basta. Con un calcio da fermo, uno schema da angolo che in tre tocchi ha portato Scaglia a calciare di precisione. 1-0 e Pordenone alle corde dal punto di vista emotivo. Il Parma avrebbe la possibilità di chiuderla, ma Nocciolini, non in serata, si divora il 2-0 da posizione favorevolissima. E il Pordenone va negli spogliatoi sotto con qualche recriminazione. Perché Pietribiasi di testa non riesce a dare la giusta direzione al pallone. Nel secondo tempo il Pordenone tira inspiegabilmente i remi in barca e subisce il forcing del Pordenone che non riesce a trovare il gol. Nonostante un grandissimo sforzo, i ragazzi di Tedino non sfondano. Aggirano la retroguardia crociata, che si difende con tutti gli effettivi dietro la linea del pallone, non riesce più a uscire la squadra di D’Aversa che si affida a Lucarelli e Di Cesare e alla velocità di Edera. Ma a dieci dalla fine la mazzata arriva: Marchi in mischia risolve e 1-1. Stancamente si arriva ai supplementari, e stranamente qui i crociati tirano fuori gli attributi. Più per forza di inerzia che per merito e logica in una gara che logica non ne ha assolutamente. Perché se ci fosse la squadra di D’Aversa sarebbe fuori all’ultimo secondo dell’ultimo minuti del secondo tempo supplementare. L’arbitro non vede il rigore che Martignago reclamava e si va dagli undici metri tra le proteste che il presidente Lovisa spegne in conferenza stampa: “Per me non era rigore”. Padovan calcia e segna il primo tiro dagli undici metri, Edera fa lo stesso. Sbaglia Misuraca e segna Scaglia. Suciu pareggia e Scavone coglie il plo. Corapi spiazza il portiere e Burrai pure. Munari e Ma De Agostini no. Frattali ne para due. E Segna Lucarelli alla fine.

LA DIRETTA

LE PROBABILI FORMAZIONI

parma-logo-nuovo-2-2PARMA (4-3-3): Frattali; Mazzocchi, Iacoponi, Di Cesare, Scaglia; Munari, Scozzarella, Scavone; Nocciolini, Calaiò, Baraye.
A disp: Zommers, Coly, Garufo, Lucarelli, Messina,, Ricci, Saporetti, Giorgino, Corapi, Simonetti, Edera, Sinigaglia. All: D'Aversa.

20150927152748!Logo_Pordenone_Calcio_1920_(dal_2014)-2PORDENONE (4-3-2-1): Tomei; Semenzato, Ingegneri, Marchi, De Agostini; Parodi, Burrai, Suciu; Misuraca, Cattaneo; Pietribiasi. 
A disp: D'Arsié, Zappa, Pellegrini, Bulevardi, Buratto Gerbaudo, Martignago, Arma. All: Tedino.                        

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Riesplodono i contagi: 164 nuovi casi e 2 morti

  • Cronaca

    Pizzarotti: "Contagi a rimbalzo: dobbiamo tenere duro così"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento